Sette tappe tra Marche, Umbria e Lazio per “LiricoStruiamo” edizione 2019. La partenza è da Fabriano

Oltre 40 i musicisti provenienti da tutta Italia e da molte nazioni estere che metteranno in scena, gratuitamente, "Le nozze di Figaro". Anima dell’iniziativa è la Camerata Musicale del Gentile. «Ricostruire le persone e non le case per le quali deve pensarci lo Stato, questo il nostro obiettivo», dice Lorenzo Sbaffi, project manager del progetto

Lorenzo Sbaffi e Ilaria Venanzoni presentano a Fabriano "LiricoStruiamo", edizione 2019

FABRIANO – Si rinnova per il terzo anno consecutivo l’appuntamento con “LiricoStruiamo“, il progetto solidale che mira alla ricostruzione sociale delle comunità colpite dal terremoto del Centro Italia. Sette le tappe nelle tre regioni colpite dal sisma del 2016: Marche, Umbria e Lazio. Partenza da Fabriano. Oltre 40 musicisti provenienti da tutta Italia e da molte nazioni estere, messi insieme dalla Camerata musicale del Gentile di Fabriano, che gratuitamente metteranno in scena “Le nozze di Figaro” di Mozart nel cuore delle città, vicino alla zona rossa, raggiungendole con un camion.

«Ricostruire le persone e non le case per le quali deve pensarci lo Stato, questo il nostro obiettivo», la dichiarazione di Lorenzo Sbaffi, project manager. «Un momento di svago e di aggregazione, ma anche un’iniziativa che contribuisce a non far spegnere i riflettori su queste aree colpite duramente dal sisma», le parole dell’assessore alla Cultura del comune di Fabriano, Ilaria Venanzoni.

Anima dell’iniziativa è la Camerata Musicale del Gentile di Fabriano presieduta da Fausto Patassi con la direzione musicale e project management del maestro Lorenzo Sbaffi, in collaborazione con l’Associazione ARTeM Rieti, il Conservatorio “P. Mascagni” Livorno, il Festival della Piana del Cavaliere di Configni, il patrocinio del Comune di Fabriano. Sponsor, il Pio Sodalizio dei Piceni, la Fondazione Cariverona, e con il sostegno di Italiana Petroli IP, di Sabelli spa, Soc Coop Castelvecchio, Associazione Sassoferratesi nel Mondo e Proloco Sassoferrato.

“LiricoStruiamo” percorre di paese in paese le zone colpite dai terremoti del 2016 lungo la dorsale appenninica in corrispondenza della faglia sismica, e le percorre con un convoglio di mezzi d’epoca. Il tour, che nelle due scorse edizioni ha raggiunto già dodici località, abbraccerà idealmente le tre regioni ferite. Prima tappa ufficiale del tour a Roma, presso il complesso monumentale di San Salvatore in Lauro, sede del Pio Sodalizio dei Piceni.

Il cast di spessore nazionale e internazionale è composto da: Ashkan Shajarian Il Conte di Almaviva, Francesca Mazzocchi La Contessa di Almaviva, Kelly McClendon Susanna, Alberto Crapanzano Figaro, Klara Luznik Cherubino, Marina Iacuitto Marcellina, Luca Micciché Don Bartolo, Alessandro Fiocchetti Don Basilio e Don Curzio, Ken Watanabe Antonio, Chiara Petrelli Barbarina. Orchestra Camerata Musicale del Gentile, maestro collaboratore Eufemia Manfredi, regia Pierluigi Cassano, direttore Lorenzo Sbaffi.

«LiricoStruiamo va nel cuore di paesi e città, a ridosso della zona Rossa, per diffondere e condividere un sentimento di speranza e di rinascita delle comunità attraverso una delle espressioni più alte dell’arte, l’opera lirica. Il tour vuole quindi contribuire non tanto alla ricostruzione fisica e materiale, né tanto meno rappresentare semplice spettacolo di intrattenimento, quanto lenire le ferite emotive e umane e rinvigorire lo spirito di appartenenza delle popolazioni», evidenziano gli organizzatori.

Dopo La Traviata e La Bohème, l’opera lirica scelta per questa terza edizione è Le Nozze di Figaro di Mozart. Lo spettacolo, con ingresso gratuito, prevede una tappa zero a Fabriano lunedì 29 luglio, alle 21, in piazza Giovanni Paolo II. Per i fabrianesi, inoltre, sarà possibile il 22 dalle 16 alle 19.30 e il 23 luglio dalle 11 alle 13 e dalle 15.30 alle 19.30, poter assistere alle prove musicali all’Oratorio della Carità.

Successivamente la “carovana lirica” si sposterà a Roma il 30 luglio, per esibirsi alle 20.30 al Complesso monumentale di San Salvatore in Lauro; primo agosto alle 21 a Muccia; due tappe in provincia di Rieti il 2 alle 21 a Cittaducale e il 4 alle 21 a Configni; si torna nelle Marche, a Sassoferrato il 5 agosto alle 21 con concerto strumentale dei solisti della Camerata Musicale del Gentile di Fabriano; si conclude il 6 agosto sempre alle 21 in Umbria, esattamente a Castelluccio di Norcia.