Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

«La Regione Marche partecipi alla manifestazione dei lavoratori Whirlpool a Roma»

L’incertezza sul futuro degli stabilimenti marchigiani della multinazionale americana e sulle reali prospettive dei dipendenti - più di mille, tra le sedi di Melano di Fabriano e Comunanza - è stata al centro di una interrogazione del consigliere dem Giancarli

FABRIANO – Alla manifestazione nazionale dei lavoratori della Whirlpool dovrebbe essere presente una delegazione della Regione Marche con il relativo Gonfalone. A chiederlo è il consigliere regionale del Pd, Enzo Giancarli, che ha portato la vertenza della multinazionale americana in seno all’Assise regionale.

L’incertezza sul futuro degli stabilimenti marchigiani della Whirlpool e, conseguentemente, sulle reali prospettive dei dipendenti – più di mille, tra le sedi di Melano di Fabriano e Comunanza – è stata al centro di una interrogazione che il consigliere regionale Enzo Giancarli ha rivolto al Presidente Luca Ceriscioli.

«Vogliamo sapere con certezza qual è la strategia industriale di questa multinazionale che opera in Italia, con sedi anche nella nostra regione. Vogliamo il rispetto degli accordi in tutti gli stabilimenti e il mantenimento di tutte le unità produttive a Melano di Fabriano, dove si producono piani di cottura a gas ed elettrici, e a Comunanza, dove si producono lavatrici e lavasciuga».

Quindi, la richiesta di discesa in campo a salvaguardia dell’occupazione. «Bisogna passare dalle dichiarazioni di principio – ha rilevato Giancarli – a provvedimenti capaci di garantire produzione e occupazione a tutti i lavoratori dipendenti del gruppo, ma anche all’indotto e ai terzisti. Alla grande manifestazione programmata a Roma per il 4 ottobre, indetta dai coordinamenti nazionali dei sindacati metalmeccanici Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm Uil, occorre la presenza di una delegazione della Regione Marche con proprio Gonfalone».

Enzo Giancarli
Il consigliere regionale Enzo Giancarli

Oltre alla vertenza Whirlpool che potrebbe anche toccare il territorio marchigiano, a esempio le funzioni impiegatizie che, nel corso di questo anno, sono state delocalizzate in Polonia, il consigliere Democrat ha rilanciato una sua proposta relativa al riconoscimento dell’area di crisi complessa per il territorio di Fabriano. «Lo richiede la difficile situazione che stanno attraversando più aziende del territorio, JP, Cartiere Miliani e, appunto, Whirlpool, solo per citarne alcune. Pertanto è giunta l’ora di passare ai fatti e dare l’avvio concreto all’iter per la richiesta al ministero dello Sviluppo economico».