La carta Fabriano protagonista in città e a Milano

In città, la presentazione dei libri di Federico Uncini. A Milano, parte la quarta edizione del Festival del Disegno. L’appuntamento è al Castello Sforzesco

Festival disegno al castello Sforzesco di Milano

FABRIANO – Fine settimana all’insegna della Carta, tratto distintivo di Fabriano e declinato in diversi modi. In città, la presentazione dei libri di Federico Uncini, questo pomeriggio alle 17:30 nella sala Pilati della Biblioteca Sassi: “L’Abbazia di Santa Maria d’Appennino. Un potente baluardo strategico sui luoghi di confine Longobardo-Bizantino” e “Il sentiero della Carta. Alla ricerca dei luoghi di una grande eccellenza marchigiana: la carta di Fabriano”. Entrambi editi dalla casa editrice Nisroch in collaborazione con Gruppi Archeologici d’Italia. Interverranno Vincenzo Moroni, vice direttore nazionale GAI, Giampaolo Ballelli e Aldo Pesetti, studiosi di storia locale. Per completare la presentazione, domani 15 settembre alle 9:30, escursione lungo il sentiero della Carta da Camporege a Santa Maria d’Appennino con visita ai resti dell’Abbazia a cura di Uncini-Ballelli.

A testimonianza della grande rilevanza che per Fabriano ha la riscoperta della carta a livello nazionale e internazionali, parte oggi pomeriggio da Milano, la quarta edizione del Festival del Disegno a cura di Fabriano. L’appuntamento è nel pomeriggio al Castello Sforzesco, iniziativa proseguirà anche nella giornata di domani.

«L’idea del disegno e il nome di Leonardo da Vinci formano nell’immaginario di chiunque un binomio naturale, legato alla memoria del suo tratto inconfondibile e a quella dei suoi straordinari Codici che, pur essendo spesso solo strumenti per raccogliere appunti, manifestano chiaramente il genio applicato all’arte del disegno. Questa nuova edizione del Festival, ospitata nei luoghi in cui Leonardo disegnava, appunto, più di cinque secoli fa, celebra il gesto del maestro toscano in occasione delle celebrazioni per i 500 anni dalla sua morte, che Milano declina in un ricco palinsesto di iniziative lungo tutto l’anno», ha spiegato l’assessore alla Cultura del comune di Milano Filippo Del Corno.

Il Festival prevede oltre 300 tappe in tutta Italia fino al 20 ottobre, da Aosta a Lecce, isole comprese. Un fitto programma che alterna tante attività, tutte gratuite: laboratori a ciclo continuo per i più piccoli a lezioni e workshop con gli artisti per adulti. Dall’acquerello alla serigrafia, al disegno dal vivo e al collage, senza dimenticare i ragazzi che potranno sperimentare le tecniche di street art e graffiti. Tanti i maestri da cui imparare e con cui divertirsi: James Clough, Isabella Genovese, Angelo Gorlini, Piero Guerriero, Francesca Manetta, Giulia Orecchia, Pao, Fabio Persico, Massimo Polello, Emanuela Pulvirenti, Angelo Ruta, Silvano Scolari, Daniel Tummolillo e la partecipazione straordinaria del gruppo Urban Sketchers.

«È una grande soddisfazione veder crescere ogni anno una manifestazione che vuole invitare a ritrovare, attraverso il disegno, un momento intimo e personale in cui rilassarsi, disconnettersi, guardarsi attorno e riscoprire i dettagli della realtà che ci circonda. Non solo i più piccoli ma anche gli adulti che hanno perso ogni familiarità con carta e matita e pensano di non saper disegnare, insieme ai ragazzi perché non smettano di disegnare continuando a stimolare così fantasia e creatività», ha concluso Chiara Medioli, vicepresidente Gruppo Fedrigoni.