Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Incontro in Comune a Fabriano sul Contratto di Fiume Esino

Al via la raccolta dei dati necessari per rendere operativo questo strumento. Stretta collaborazione assicurata dal comune di Fabriano. Si cerca di valorizzare l'area fluviale in sinergia con gli altri Enti

David Belfiori e Simona Carini

FABRIANO – Incontro in Comune a Fabriano sul Contratto di Fiume Esino. «Si raccoglieranno tutti i dati necessari per rendere operativi i contratti», evidenziano dall’Ente municipale.
Ieri mattina, 28 aprile, David Belfiori coordinatore del Contratto di Fiume e direttore dell’Oasi di Ripa Bianca ha incontrato la Responsabile Ufficio Ambiente del Comune di Fabriano, Simona Carini per organizzare la raccolta dei dati necessari ad avviare l’operatività degli accordi intercorsi.
Il Comune di Fabriano, nel mese di ottobre 2015 con delibera di Giunta n° 135 ha aderito al manifesto d’intenti per il Contratto di Fiume Esino. I Contratti di fiume sono strumenti di programmazione negoziata, profondamente connessi ai processi di pianificazione strategica rivolti alla riqualificazione dei bacini fluviali. Il Contratto di Fiume del bacino idrografico del fiume Esino comprende i Comuni che si affacciano nel bacino del fiume medesimo, la Regione Marche, la Riserva Naturale Ripa Bianca e numerose associazioni ambientaliste. Dall’adesione, sono stati avviati dei tavoli di lavoro finalizzati all’elaborazione di studi per avere inizialmente un’ indagine conoscitiva sulle potenzialità del fiume, nella sua interezza, comprensiva degli affluenti.
La scorsa settimana, inoltre, sono stati costituiti dei tavoli tematici così strutturati: Tema 1: Qualità dell’acqua, natura e d ecosistema fluviale, rischio idraulico e geomorfologia fluviale; Tema 2: Paesaggio, pianificazione territoriale, fruizione e sviluppo economico del territorio fluviale.
I tavoli tematici daranno la possibilità a tutti i soggetti interessati di poter segnalare, sulle base delle proprie conoscenze, valori e problematiche del territorio che andranno ad integrare l’analisi conoscitiva preliminare in fase di realizzazione. L’analisi conoscitiva sarà la base per le azioni strutturali e non strutturali che saranno successivamente individuate nel Programma d’Azione del Contratto di Fiume.
Con l’incontro di ieri si è, dunque, avviato il percorso di dialogo al fine di pianificare le attività di audit conoscitivo iniziale.