Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Giunta, Casoli “bacchetta” vertici di Confindustria Marche e Ancona

Al centro del contendere la questione relativa alla composizione della squadra targata Francesco Acquaroli. Ecco cosa dice il presidente di Elica

Francesco Casoli
Francesco Casoli

FABRIANO – «Considero un fatto di grave ingerenza e di scarsa lungimiranza le dichiarazioni dei presidenti Claudio Schiavoni e Pierluigi Bocchini apparse il 15 ottobre sulla stampa in riferimento alla nuova Giunta regionale. Non era mai avvenuto nella storia di Confindustria Marche un attacco dell’associazione addirittura alle modalità di scelta dei componenti della Giunta della Regione Marche da parte del relativo Presidente, prima ancora che questa fosse ufficializzata. Credo che la nuova amministrazione regionale vada giudicata per il suo operato e i suoi membri valutati per le loro competenze e non in virtù di avvilenti e gretti criteri di provenienza territoriale». Così Francesco Casoli, presidente di Elica, multinazionale di Fabriano, leader mondiale nel settore delle cappe aspiranti, sulla mancata nomina di un Assessore regionale nella Giunta di Francesco Acquaroli espressione della Provincia di Ancona.

Una dichiarazione che viene sostanziata da un esempio. «Nelle imprese scegliamo i nostri collaboratori per esperienza e professionalità, non in base ad obsoleti canoni di appartenenza, qualsiasi essa sia, in particolare di appartenenza geografica. Non possiamo essere sostenitori della internazionalizzazione delle aziende, affrontare le sfide globali e nel frattempo essere “provinciali” nella scelta della classe dirigente. Per essere credibili dobbiamo essere coerenti e testimoniare con il nostro comportamento, chiedendo agli altri ciò che noi imprenditori attuiamo continuamente nel fare impresa nel rispetto reciproco dei ruoli».

Giorgia Latini

In coda, una potenziale giustificazione. «Spero che i due Presidenti abbiano rilasciato ingenuamente tali dichiarazioni nel “caldo” di una conversazione telefonica e che aprano una riflessione e sappiano meglio precisare la loro posizione», conclude Francesco Casoli. A onor del vero, l’assessore regionale alla Cultura, Giorgia Latini, nata a Fabriano e trasferita ad Ascoli Piceno da alcuni anni, è considerata comunque espressione della Provincia di Ancona nell’Esecutivo guidato da Francesco Acquaroli.

Infine, l’augurio che il patron di Elica rivolge al nuovo Esecutivo. «Abbiamo una nuova Giunta nella nostra regione. È un’alba che inizia a schiarire le valli e le montagne del nostro territorio. Ci sono state tante sterili polemiche su quale città dovesse avere il suo assessore. Sterili. Le Marche hanno bisogno di gente valida, non Ancona o Macerata. Conosco tutti gli assessori, e non poteva andarci meglio. A tutti noi Marchigiani, buon lavoro a tutti, contiamo su di voi con fiducia. Siamo contenti di vedere finalmente una ventata di meritocrazia.