Santarelli: «Ges.Ti un flop? No». E punta l’indice sui dipendenti comunali

Per il primo cittadino di Fabriano nessun problema la piattaforma. E aggiunge: «Si tratta solo di una mancanza di comunicazione fra i lavoratori dell'ente»

Il sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli con la fascia tricolore
Il sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli con la fascia tricolore

FABRIANO – «Ges.Ti flop? Non direi». Questo il pensiero del sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli, che punta l’indice nei confronti di alcuni dipendenti comunali «che non rendicontano le attività che vengono svolte» nel settore di manutenzione del verde e manutenzione stradale. Di conseguenza, le statistiche della piattaforma delle segnalazioni non sono aggiornate costantemente. Quindi, altri dipendenti comunali che non riescono a stare al passo.

Dunque, per il primo cittadino va tutto bene, le segnalazioni sono per circa l’80% portate a termine entro quattro giorni lavorativi da quando sono inserite nella piattaforma, così come affermato a più riprese dal giorno di presentazione del progetto.

Andando nello specifico, secondo il primo cittadino di Fabriano, Ges.Ti non è un flop. «Ho letto un articolo in cui si dice che il sistema GesTI per le segnalazioni sarebbe un flop e per dimostrarlo vengono forniti dei dati per i quali però non è stata mai chiesta spiegazione all’amministrazione né agli uffici. I dati che possono essere presi dal link di Ges.TI e che indicano il numero di segnalazioni fatte e il numero di segnalazioni evase non rispecchia la realtà. Infatti, purtroppo, nonostante le numerose sollecitazioni, il settore che si occupa di manutenzione del verde e di manutenzione stradale non rendiconta le attività che vengono svolte e quindi le oltre 278 segnalazioni (su un totale di 790) che riguardano questi tipi di interventi non vengono mai aggiornate come interventi eseguiti. Questo chiaramente non significa che gli interventi segnalati non sono stati fatti, ma che l’esecuzione non viene conteggiata. La conclusione a cui arriva il giornalista è frutto semplicemente di un’analisi che non è stata approfondita. Come al solito sarebbe bastato chiedere agli uffici, all’assessore o al sottoscritto per poter dare un’informazione corretta. Se c’è una mancanza nel sistema GESTI, che chiaramente con meno di un anno di vita ha bisogno di essere corretto, è il fatto che alcuni non aggiornano gli interventi eseguiti».

Questo il pensiero del sindaco Santarelli che individua nei dipendenti comunali i responsabili delle fallaci statistiche presenti nel link della piattaforma che è ricompreso nel sito ufficiale del comune di Fabriano. In un anno di attività, nessun asterisco presente nel suddetto link per indicare che i numeri siano puramente indicativi e, quindi, non ufficiali. Insomma, interpretabili.