Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Furto di Natale a Fabriano: sparisce il Gesù Bambino dal confessionale di San Filippo

È stato rubato prima che gli allestitori, il team di Porta Cervara, potessero posizionarlo nella mangiatoia. Un cartello affisso per chiedere a chiunque lo abbia preso, di riportarlo. Si indaga per cercare di risalire al responsabile

Il presepe senza Gesù Bambino
Il presepe senza Gesù Bambino

FABRIANO – Presepe allestito nella chiesa di San Filippo a Fabriano senza il Bambinello. È stato rubato prima che gli allestitori, il team di Porta Cervara, potesse posizionarlo nella mangiatoia. Un cartello affisso per chiedere a chiunque lo abbia preso, di riportarlo.

Avevano allestito il Presepe con tanta cura nei giorni precedenti al Natale, il priore di Porta Cervara, Victor Torresan e tutta la squadra dei “Rossi”, all’interno della chiesa di San Filippo, corso della Repubblica, cuore del centro storico di Fabriano. Come vuole la tradizione, la statuina del Gesù Bambino sarebbe stata posizionata dopo la mezzanotte, al termine della Santa Messa in Cattedrale a San Venanzio. Invece, l’amara scoperta.

Il Bambinello era stato nascosto all’interno di un confessionale. E quando gli allestitori del Presepe sono andati a prenderlo per posizionarlo nella mangiatoia, non l’hanno più trovato. «Il Bambinello è stato rubato. Chi lo ha preso è pregato di riportarlo», la scritta su un cartoncino posizionata nel Presepe che ci si augura possa indurre chi ha compiuto questo gesto, a ripensarci e riportarlo, anche anonimamente, all’interno della chiesa di San Filippo.

Al momento, però, non vi è traccia della statuina e lo sconcerto è grande fra i fedeli e fra tutti coloro che entrano nella chiesetta del centro storico di Fabriano e leggono il messaggio. Anche su Facebook, questa notizia ha avuto molto risalto e la speranza è sempre la medesima, che l’autore del gesto riporti Gesù Bambino.

La chiesa di San Filippo è molto frequentata, ancor di più da quando al suo interno è stata posizionata la statua della Madonna di Loreto, che dalla chiesa del Sacro Cuore è stata portata a San Filippo, perché la prima risulta ancora inagibile a causa del sisma dell’agosto-ottobre 2016. Nessun sembra abbia visto nulla, ma l’auspicio è che il ladro possa ripensarci.