La Fondazione Aristide Merloni di Fabriano premia gli studenti più meritevoli

Voti straordinari per i 25 ragazzi che hanno ricevuto la borsa di studio. L'incontro è stato anche l'occasione per discutere e approfondire le sfide e le opportunità che la transizione all'Industria 4.0 richiede alla formazione tecnica

Il tavolo dei relatori

FABRIANO – Consegnate le borse di Studio della Fondazione Aristide Merloni agli studenti meritevoli dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Merloni-Miliani” di Fabriano. Venticinque i ragazzi scelti per il loro lodevole profitto scolastico, con medie altissime.

Una tradizione, quella della consegna alle Borse di studio della Fondazione Aristide Merloni, alla quale i fabrianesi sono affezionati. Sono più di 30 anni che la Fondazione Aristide Merloni, con questa iniziativa, premia i meritevoli studenti dell’istituto.

I premiati sono: Giacomo Agostinelli, Matteo Scorta, Samuele Orici, Lorenzo Cicconi, Fiorina Riccio, Matteo Jasar, Diljot Singh, Alessio Cattarulla, Simone Guglielmi, Andrea Tarsi, Giulia Cenci, Senada Nesimi, Elvis Vezi, Josue Arana Santana, Giordano Spinaci, Angelo Carmine Maglio, Geremy Calisti, Valerio Conti, Marco Maramonti, Andrea Bartocci, Michele Kaculi, Christian Cingolani, Valerio Donnini, Simone Agostinelli e Arianna Lenci.

Voti straordinari per questi ragazzi che si impegnano, che studiano e sanno fare bene il loro mestiere di studenti.  «Questo premio va al merito e al risultato», ha evidenziato Donato Iacobucci coordinatore scientifico della Fondazione. «Tra i valori fondanti della cultura imprenditoriale, valore e merito rispecchiano il fondamento e la vision della Fondazione Merloni di Fabriano che ha nei suoi obiettivi principali proprio la formazione. Valore e Merito sono alla base di questo premio che non sono sempre premiati adeguatamente in Italia dove esiste ancora la contrapposizione sciagurata tra cultura tecnico-scientifica e cultura umanistica, speriamo possa essere superata definitivamente».

L’incontro è stato anche l’occasione per discutere e approfondire le sfide e le opportunità che la transizione all’Industria 4.0 richiede alla formazione tecnica: sono intervenuti Roberto Vescovi, HR Manager gruppo Ariston Thermo, e Ruggero Silvestri, Direttore dello stabilimento di Cerreto D’Esi, gruppo Ariston Thermo.

La platea

Nel corso della cerimonia, ha svolto un breve saluto anche il sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli. «Siate orgogliosi di ciò che state facendo. Questo Istituto con la sua formazione vi dà ampie prospettive, vi aiuta a organizzare il tempo, a comprendere le difficoltà e dove possibile a superarle. Tutto questo, per chi è fuori dal vostro contesto, molto spesso viene sottovalutato, ma invece siatene sempre fieri».

Infine, il dirigente scolastico Giancarlo Marcelli ha messo l’accento sull’importanza di «portare fuori dall’Istituto l’iniziativa».