Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Focus Lavoro a Fabriano: le posizioni di Sergio Romagnoli e Chiara Biondi

Il senatore pentastellato approva il tour istituzionale di Todde e Accoto. La consigliera regionale della Lega ripropone la Zes sisma-area a fiscalità agevolata

Una veduta di Fabriano|
Una veduta di Fabriano

FABRIANO – Successo per l’iniziativa targata Movimento 5 stelle che si è svolta ieri pomeriggio a Fabriano, 18 giugno, dedicata ai temi del rilancio del territorio. «Il tessuto produttivo del fabrianese attraversa una fase di grandissima difficoltà: non lo scopriamo certo oggi, visto che la crisi industriale si protrae purtroppo da anni, con gravi ripercussioni sul fronte occupazionale e sociale. Di certo non dobbiamo agire impulsivamente: nel territorio restano tante le realtà in grado di stare sul mercato e di crescere. L’esempio migliore lo abbiamo avuto nel tour di ieri fatto alla presenza della viceministra al Mise Alessandra Todde, insieme alla collega Patrizia Terzoni, alla portavoce regionale Simona Lupini, al sindaco di Fabriano Gabriele Santarelli, il sindaco di Sassoferrato Maurizio Greci e, nel pomeriggio, con l’arrivo in città della sottosegretaria al Lavoro Rossella Accoto e della consigliera regionale Marta Ruggeri”, commenta il senatore pentastellato, Sergio Romagnoli.

Sergio Romagnoli

Diasen, SIFA Technology e BS Service: le tre realtà produttive che hanno ospitato il tour. «Sono l’esempio lampante di come know how e innovazione possano ancora coniugarsi in modo eccelso nel nostro territorio. Aziende che hanno saputo affrontare nuovi percorsi produttivi, diversificando sui materiali, affidandosi alle nuove tecnologie e dimostrando grandi capacità commerciali anche al di fuori dei confini del nostro paese. Quando si entra in contatto con realtà che hanno saputo rialzarsi dopo anni difficili, rilanciando il proprio operato e tornando a crescere oltreché ad assumere, si ha la riprova che dalle nostre parti c’è un “carnet” di esperienza pluridecennale che non va disperso. E noi come rappresentanti delle istituzioni abbiamo il dovere di sostenerlo e agevolarlo», ha concluso Romagnoli.

Chiara Biondi

Pronta la proposta di legge della Lega che può rilanciare l’economia di Fabriano e dell’entroterra montano terremotato. Chiara Biondi, consigliera regionale del Carroccio, ha invitato la viceministra dello Sviluppo economico Alessandra Todde e la sottosegretaria al ministero del Lavoro Rossella Accoto a spendersi per la sua approvazione nel corso del focus sulle prospettive di rilancio della città di ieri. La Lega ha depositato una proposta di legge concepita per capitalizzare l’esperienza delle ZES strutturandola a misura dell’entroterra terremotato di cui anche Fabriano fa parte. «Mi ha fatto piacere come marchigiana di Fabriano, come politico e come donna di legge per professione aver portato un contributo sostanziale a un tavolo di idee a cui sedevano esponenti di spicco dei Cinquestelle, unico partito presente in ogni governo di questa legislatura. I nostri parlamentari hanno individuato nel cratere del terremoto un biglietto di prima classe per l’alta velocità del rilancio depositando lo scorso dicembre la proposta di legge sulla Zona a Fiscalità Agevolata. È indispensabile che si converga tutti sulla snella “ZES sisma – area a fiscalità agevolata” della Lega che porterebbe gli stessi effetti della Zona Economica Speciale limitandone burocrazia e concorrenza connessi. Non abbiamo la pretesa che sia la panacea per tutti i mali economici di Fabriano, però è una cura concreta e immediatamente somministrabile. Potrebbe finanche far rivedere i propri piani ad Elica e a tante altre aziende evitando che misure tampone e ammortizzatori sociali abbiano un mortale effetto placebo», ha concluso la consigliera Biondi.