Festa dei colori a Fabriano: appuntamento a Collamato

Dopo il successo delle prime quattro edizioni come festa dei colori e la sua trasformazione in festival nel 2017, l’associazione Fabricamenti con Aido Esanatoglia e la Parrocchia di San Paterniano di Collamato, ripropone la manifestazione, in collaborazione con Cooperativa sociale Il Mosaico e Fotoclub Arti Visive B.F.I.

La festa dei colori, edizione precedente

FABRIANO – Estate a Fabriano torna a fare rima con colori, dopo un anno di stop, e questo grazie all’associazione Fabricamenti che organizza per il quarto anno l’iniziativa One Big Colours Festival. Appuntamento questo pomeriggio nella frazione cittadina di Collamato. Dopo il successo delle prime quattro edizioni come festa dei colori e la sua trasformazione in festival nel 2017, l’associazione Fabricamenti con Aido Esanatoglia e la Parrocchia di San Paterniano di Collamato, ripropone la manifestazione, in collaborazione con Cooperativa sociale Il Mosaico e Fotoclub Arti Visive B.F.I.; Media Partner: Radiogold.

Il festival ha avuto un prequel il 4 luglio scorso con un partecipato incontro e dibattito su “Storie e paesaggi tra cura e diversità” che ha visto la partecipazione di Augusto Ciuffetti dell’Università Politecnica delle Marche e di Gianluca Peluffo della Peluffo&Partners Architecture. Successivamente, è stata inaugurata una mostra fotografica relativa alle scorse edizioni. Ieri sera, 19 luglio, al cinema Montini c’è stata la proiezione del film “The Elephant Man” di David Lynch.

«Dopo un anno di pausa, Fabricamenti riprende il filo narrativo cercando di approfondire le tematiche del festival: inclusione e valorizzazione dell’individuo, promozione territoriale, condivisione tra persone di differente età, contesto sociale, cultura e attitudini, promuovendo la diversità come valore di crescita culturale e sociale. Come singoli individui, ma ancor più come comunità, abbiamo il dovere di creare reti volte a favorire e veicolare valori condivisi. Fedeli a questo spirito, nell’organizzazione del Festival sono state coinvolte diverse associazioni che credono nella diversità come valore. L’obiettivo è dimostrare che unendo le forze si può creare una comunità più coesa. Il Festival vuole essere una “festa di tutti”. Non sarà quindi una manifestazione “per l’integrazione” ma una manifestazione “di inclusione”, in cui ognuno potrà dare il suo contribuito culturale e/o organizzativo», spiegano gli organizzatori lanciando le giornate di oggi e domani. Questo pomeriggio alle 16 a Collamato, Fabriano, si parte con i laboratori di inclusione a cura di: Cooperativa sociale “Il mosaico” – servizio Base Solidale, con Laura Oppietti e Tina Memoli (Casa Madonna della Rosa), Alessia Marchigiani e Martina Morganti (Laboratorio 10). Quindi, alle 17, l’appuntamento più atteso con la Festa dei colori con DJ Set: lanci coordinati delle polveri colorate, performance artistiche, spettacoli di musica e danze. Ultimo lancio al tramonto intorno alle 20:40. Per concludere, un concerto e jam session con Spececakes. Ogni partecipante riceverà in regalo una bustina di polvere colorata.

Domani, 21 luglio, ci si sposta a Esanatoglia dove alle 17 si svolgerà una passeggiata guidata dal sindaco Luigi Nazzareno Bartocci per la scoperta del borgo cittadino. E alle 20 la cena condivisa, prima della conclusione in musica con il concerto di Dr Sixties.