Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Fabriano: accessibili ai turisti i capolavori della Casa di Ester

L'apertura è prevista dal martedì alla domenica, con orario 10-13 e 15-18 previa prenotazione obbligatoria sul sito della pinacoteca

Casa di Ester in Pinacoteca

FABRIANO – Dopo il museo della Carta e Filigrana, torna fruibile dai turisti anche la Casa di Ester a seguito dell’emergenza dovuta alla pandemia da Covid-19. Ad annunciarlo è l’assessore alla Cultura del comune di Fabriano, Ilaria Venanzoni. «Dopo una fase difficile per il mondo della cultura riapriamo gratuitamente al pubblico la collezione “Casa di Ester” presso la Pinacoteca civica Bruno Molajoli. La collezione, donata alla città di Fabriano da Ester Merloni, include opere di artisti protagonisti del Novecento, quali Edgardo Mannucci, Arnaldo Pomodoro, Giorgio De Chirico, Lucio Fontana. La collezioni di arte medievale e moderna, collocate al primo piano, conclude l’assessore Venanzoni, purtroppo, restano ancora non fruibili al pubblico, a causa della non adattabilità dell’impianto di climatizzazione – che garantisce il controllo dei valori di temperatura e umidità necessari alla corretta conservazione delle opere d’arte – alla stringente normativa Anticovid». L’apertura gratuita al pubblico della sezione “la Casa di Ester” della Pinacoteca “Bruno Molajoli” è prevista dal martedì alla domenica, con orario 10-13 e 15-18 previa prenotazione obbligatoria sul sito della pinacoteca al seguente indirizzo: https://www.pinacotecafabriano.it/. Per garantire il contingentamento, necessario per il rispetto della normativa anti Covid-19, sarà consentito l’accesso a massimo 15 persone ogni 30 minuti.

La “Casa di Ester” è una collezione di opere d’arte realizzate da alcuni tra i più importanti artisti italiani del ‘900. E’ conservata al piano terra della pinacoteca civica “B. Molajoli” dove ha voluto che fosse esposta Ester Merloni che, con lascito testamentario, ha donato l’intera sua collezione alla Città di Fabriano. Si tratta di un nucleo di opere di assoluto rilievo composto da 22 pezzi, tra pitture e sculture, firmati da grandi protagonisti dell’arte contemporanea italiana: da Boldini a Manzù, ai grandi artisti della corrente dello spazialismo: Fontana, Manzoni e Castellani.  La grande passione che guidò Ester Merloni nella selezione delle opere che impreziosivano la sua abitazione sono ora visibili al pubblico con un allestimento curato dallo studio archisal di Ancona: l’obiettivo é stato quello di riproporre nei locali al pianto terra della Pinacoteca le opere come erano collocate negli spazi della sua casa, da qui il nome “la Casa di Ester”. Una donazione di grandissimo valore che ha permesso alla città e alla sua pinacoteca di dotarsi di una sezione di arte contemporanea e allo stesso tempo contribuire, in esecuzione alle volontà della generosa donatrice, alla più ampia valorizzazione di questo nucleo di opere d’arte, ora liberamente fruibili ai visitatori.

È intenzione dell’Amministrazione comunale di Fabriano continuare con la riapertura delle strutture museali cittadine. «A breve, ultimati i lavori sul piazzale antistante, sarà riaperto al pubblico il Museo Guelfo, all’interno del quale è esposta la collezione di arte contemporanea, composta da numerose opere dell’artista fabrianese Guelfo Bianchini insieme alle quali, a rotazione, verranno esposti capolavori di grandi artisti d’arte moderna e contemporanea come Chagall, Mirò e De Chirico», conclude l’assessore Venanzoni.