Fabriano, tutto pronto per la riapertura delle scuole

L'Amministrazione comunale di concerto con i dirigenti scolastici dei tre istituti comprensivi ha deciso che il servizio mensa partirà da lunedì 18 settembre. Fin dal primo giorno di scuola, invece, garantito il trasporto scolastico

Panorama di Fabriano
Panorama di Fabriano

FABRIANO – Tutto pronto per il rientro sui banchi di scuola degli studenti di Fabriano. La popolazione studentesca si aggira attorno ai 5.400. Il servizio mensa partirà dal 18 settembre. Fin da venerdì, 15 settembre, invece, sarà attivo il trasporto pubblico.
Si avvicina la prima campanella per ogni scuola di ordine e grado a Fabriano. L’appuntamento è per venerdì e tutti i preparativi sono ormai ultimati. Sono oltre 3.000 gli alunni dei tre istituti comprensivi, rispettivamente circa 900 al Marco Polo, 1.007 al Romagnoli e 1.140 all’Aldo Moro.

Passando alle scuole medie superiori, numeri in crescita per il Liceo Classico Stelluti con 463 studenti. Al Liceo Scientifico Volterra 508 studenti di cui 461 a Fabriano e 47 nella sede distaccata di Sassoferrato. All’Istituto tecnico industriale Aristide Merloni e Ipsia Miliani, polo tecnologico, sono 605 i ragazzi iscritti, oltre 50 studenti serali divisi su tre classi. Per quel che riguarda il Morea risultano nei vari indirizzi Ragioneria, Geometra, Turistico, sono circa 240 studenti che frequenteranno l’istituto superiore. All’Itas Vivarelli può contare su circa 300 studenti. Infine, al Liceo Artistico, gli studenti iscritti risultano essere circa 160. Complessivamente, dunque, l’intera popolazione studentesca delle scuole superiori di Fabriano risultano essere oltre 2.300 unità.
Per quel che riguarda i servizi offerti per gli istituti comprensivi, l’Amministrazione comunale d’accordo con i dirigenti scolastici hanno optato per far partire il servizio mensa non subito, ma da lunedì 18 settembre. Invece, per quel che riguarda il servizio del trasporto scolastico sarà attivo e funzionante fin dal primo giorno di scuola. Da valutare dopo qualche giorno di scuola se il calo di utenti sia per le mense che per gli scuolabus saranno evidenziati anche quest’anno come, ormai, sta avvenendo nel corso degli ultimi tre anni. Calo che è sicuramente imputabile al perdurare della crisi economica.