Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Fabriano, presentato il progetto Laboratorio 10

Il progetto è stato presentato dalla cooperativa Castelvecchio Service di Fabriano nella sala dell'Unione montana alla presenza dei possibili attori interessati e dell'assessore cittadino con delega ai Servizi alla persona, Simona Lupini

Un momento della presentazione del progetto

FABRIANO – Presentato a Fabriano il progetto Laboratorio 10. La Fondazione Cariverona sta valutandone l’eventuale finanziamento, visto che lo stesso risulta essere fra i 13 progetti finalisti, nell’ambito delle iniziative della stessa Fondazione. La soddisfazione dell’assessore fabrianese ai servizi alla Persona, Simona Lupini.

L’assessore Simona Lupini durante la presentazione del progetto Laboratorio 10

Nei giorni, nella sede dell’Unione Montana Esino-Frasassi a Fabriano, si è svolto un incontro promosso dall’Ambito Territoriale n. 10 nel quale la cooperativa Castelvecchio Service ha presentato il progetto Laboratorio 10 che si pone l’obiettivo generale di costruire un sistema territoriale integrato per il sostegno dei disabili e delle loro famiglie, basato sulla co-progettazione tra istituzioni, organizzazioni, professionisti e famiglie di nuovi e diversi servizi e interventi.

Il progetto, realizzato dalla cooperativa fabrianese è stato condiviso da tutti i Comuni aderenti all’Ambito Territoriale n. 10.

All’ incontro erano presenti anche rappresentati delle scuole, i Servizi Umea e Umee del distretto sanitario, il centro di Riabilitazione Santo Stefano e il centro per l’impiego che andranno a costituire la rete di partenariato del progetto.

Laboratorio 10 è in fase di valutazione da parte della Fondazione Cariverona ed ha già superato il primo step aggiudicandosi un’ottima posizione: è risultato, infatti, tra i 13 finalisti su un totale di 84 partecipanti.

L’assessore alle Politiche Sociali del comune di Fabriano, Simona Lupini, soddisfatta del risultato raggiunto, ha sottolineato l’importanza di lavorare in rete. «Questo progetto è un esempio positivo di un forte ed efficace partenariato tra pubblico e privato che deve essere una metodologia strategica da adottare nell’attuazione delle politiche sociali».

Non resta, ora, che attendere la valutazione finale da parte della Fondazione Cariverona per capire se sarà quest’ultima a dare una mano, in termini di finanziamento, per l’implementazione stessa del progetto e, quindi, fare in modo che possa diventare un concreto aiuto e sostegno per tutti coloro che ne necessitano.