Fabriano

Fabriano, nasce il biglietto unico per visitare tutte le realtà museali

Nasce il biglietto unico, per visitare tutte le realtà museali comunali: Pinacoteca, Museo della Carta e della Filigrana, la sezione della Civiltà della Scrittura, Oratorio della Carità e Museo Guelfo

L'assessore al turismo Andrea Giombi

FABRIANO – Ora è ufficiale, nasce il biglietto unico. Preannunciato come obiettivo a breve termine dall’Assessore al turismo della città di Fabriano Andrea Giombi, nelle ultime ore è diventato realtà e si tratta indubbiamente di uno step in avanti per l’intera cittadina fabrianese.

«Ci tenevo a portare a conoscenza la creazione del biglietto unico – afferma Andrea Giombi, l’assessore al turismo della città di Fabriano – Insieme alla Collega Assessore Maura Nataloni abbiamo voluto che il turista con un unico biglietto, dal valore di Euro 10,00, potesse avere la possibilità di visitare tutte le realtà museali comunali: Pinacoteca, Museo della Carta e della Filigrana, la sezione della Civiltà della Scrittura, Oratorio della Carità, Museo Guelfo. Pertanto, con un unico biglietto si hanno le chiavi della Città per visitare il suo cuore culturale e storico».

«Con questo biglietto unico – prosegue Giombi – come abbiamo discusso recentemente anche nella Commissione competente presieduta dal Presidente Spreca, vorremmo realizzare convenzioni con i plessi museali e attrattivi del nostro territorio anche fuori Fabriano. Il tutto per una promozione congiunta del territorio. Ringrazio l’Ufficio Cultura Turismo per il lavoro e spero che la proposta possa essere approvata e sostenuta con convinzione dal Consiglio Comunale tutto in sede di approvazione delle tariffe».

© riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare

Fabriano, riparte la seconda edizione dell’iniziativa Notte nei Musei

«Ripetiamo questi appuntamenti dopo il grande successo della prima edizione: un nuovo modo, piacevole e interessante, per coinvolgere turisti e cittadini alla scoperta delle nostre bellezze culturali e museali, che meritano la migliore valorizzazione», commenta l’assessore alla Bellezza Maura Nataloni