Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Lutto a Fabriano, la città ricorda il giovane Michele Mariotti

Solare, sempre attento alle esigenze di tutti, padre premuroso e amorevole, marito esemplare. Sono questi i tratti commoventi, che meglio raccontano il 32enne scomparso in un terribile incidente a bordo della sua moto

La chiesa di San Nicolò a Fabriano

FABRIANO – Solare, sempre attento alle esigenze di tutti, padre premuroso e amorevole, marito esemplare, il figlio, fratello, amico, che chiunque avrebbe voluto avere. Sono questi i tratti commoventi ricordati nei messaggi che si susseguono su Facebook dopo la terribile notizia della prematura morte di Michele Mariotti, 32enne di Fabriano, deceduto ieri, 3 agosto, a causa di un incidente stradale, mentre era in sella alla sua amata moto.

Una notizia che ha sconvolto e addolorato profondamente la città di Fabriano perché Michele era ben voluto da chiunque abbia avuto il piacere di conoscerlo e apprezzarlo per la bella persona a tutto tondo che era.

Michele Mariotti

«È straziante essere raggiunti da notizie come questa: 32 anni, due figli e una moglie ad attenderlo a casa con chissà quanti progetti da realizzare insieme. Un’altra immensa tragedia che colpisce la nostra comunità. Ci uniamo tutti al dolore della famiglia e ci stringiamo a loro con tutto il nostro affetto», il messaggio postato dal sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli, che raccoglie idealmente tutta la vicinanza che l’intera città sta riservando alla famiglia di Michele.

Una dinamica dell’incidente che è ancora al vaglio dei carabinieri della Compagnia di Fabriano. Ma che certamente sa molto di fatalità. Un tratto di strada ampia come la rotatoria di ingresso all’uscita Est della città. Un impatto con il guardrail che, purtroppo, non ha lasciato scampo al 32enne, uccidendolo sul colpo. Vani i tentativi di rianimazione, messi comunque in atto dal personale del 118 dell’ospedale Engles Profili. Purtroppo, il soffio di vita aveva già lasciato Michele su quel maledetto asfalto a causa dei forti politraumi riportati nella mortale caduta.

Michele lascia la moglie e due bambini di pochi anni. Operaio specializzato, ha lavorato prima all’Idealgomme di Fabriano poi alla concessionaria Fiat, quartiere Santa Maria. Aveva frequentato l’Istituto Professionale e tutti spendono solo belle parole nel ricordarlo.

Oggi, 4 agosto, alle 14, sarà aperta la camera ardente nei locali della casa funeraria Infinitum di Bondoni. Il funerale, invece, si svolgerà martedì 6 agosto. Il corteo funebre partirà dalla camera ardente in direzione della chiesa di San Nicolò. Il feretro sarà, quindi, tumulato all’interno del cimitero cittadino di Santa Maria. La famiglia del 32enne ha chiesto esplicitamente di non portare fiori, ma come avrebbe gradito lo stesso Michele, dato il suo enorme cuore, di devolvere offerte a favore della ricerca sull’Alzheimer.