Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Fabriano: Giancarlo Sagramola torna alla presidenza dell’Unione Montana dell’Esino-Frasassi

Ad affiancarlo in Giunta: David Grillini (Sindaco di Cerreto D'Esi) Tommaso Borri (Sindaco di Serra San Quirico) e - su delega del Sindaco di Sassoferrato, Maurizio Greci - Ugo Pesciarelli, l’uscente Presidente dell’Unione Montana

Giancarlo Sagramola neo presidente dell'Unione Montana Esino-Frasassi

FABRIANO – Giancarlo Sagramola è il nuovo presidente dell’Unione montana dell’Esino-Frasassi di Fabriano. L’elezione all’unanimità, su proposta del Primo cittadino fabrianese Daniela Ghergo, da parte dei rappresentanti dei 7 Comuni aderenti: Fabriano, Sassoferrato, Cupramontana, Cerreto D’Esi, Serra San Quirico, Staffolo e Mergo. Sagramola aveva già ricoperto questo incarico durante il proprio mandato di Sindaco di Fabriano. Ad affiancarlo in Giunta: David Grillini (Sindaco di Cerreto D’Esi) Tommaso Borri (Sindaco di Serra San Quirico) e – su delega del Sindaco di Sassoferrato, Maurizio Greci – Ugo Pesciarelli, l’uscente Presidente dell’Unione Montana

La dichiarazione

«L’obiettivo (nella Mozione presentata a alla base della elezione del Presidente) è ora quello di valorizzare il territorio lungo un percorso che si snoda sulla via delle green communities per affrontare la transizione ecologica integrando lo sviluppo locale con la tutela e valorizzazione dell’ambiente secondo un modello che tenga conto del sistema territoriale delle imprese, ma volga lo sguardo verso un traguardo più alto capace di favorire la permanenza delle giovani generazioni, con le loro idee e le loro intelligenze valorizzando le nuove potenzialità date dalle reti e dai nuovi lavori.

Rendere il territorio attrattivo con piani di promozione e valorizzazione delle bellezze naturali e storico culturali delle nostre città in relazione al Parco Gola della Rossa e di Frasassi e di altre aree naturalistiche». Per questo motivo, i punti programmatici. «Valorizzare la gestione sostenibile dei boschi in funzione ecologica ma anche favorendo la filiera bosco-legno con una gestione attenta e sostenibile. Avviare la realizzazione di alcuni servizi condivisi che aiutino i comuni associati nella gestione delle loro attività quotidiane: condividendo servizi ed organizzandone di nuovi, come, ad esempio, la Centrale Unica di Committenza; la gestione delle attività della protezione civile con riferimento alle attività dell’antincendio e del controllo e sorveglianza delle aree boscate e/o meno abitate. Costituzione di un nucleo di progettazione integrato che possa ricercare risorse regionali, nazionali ed europee per sostenere le linee di sviluppo evidenziate. Valorizzare le particolarità e specificità di ognuno dei Comuni associati. Un’Unione dei comuni che elabora e prepara progetti condivisi per i quali ricevere finanziamenti e risorse a beneficio dell’intera comunità», le parole del neo eletto Presidente Sagramola che ha ringraziato il sindaco Daniela Ghergo e l’Amministrazione di Fabriano, per averlo proposto, intrattenendosi con i Sindaci e con l’ex Presidente Pesciarelli «per valutare la proposta di alcune sedute del Consiglio a breve per condividere le proposte messe in campo e renderle operative anche in virtù della scadenza a breve di alcuni bandi del PNRR».