Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Fabriano: daspo urbano per il 30enne che ha malmenato l’amico. Non voleva accompagnarlo a comprare droga con l’auto

Divieto di accedere per due anni a tutti gli esercizi pubblici e ai locali di intrattenimento del comune di Fabriano, pena la denuncia alla Procura di Ancona che prevede la detenzione fino a due anni e la multa fino a ventimila euro

Il commissariato di Fabriano
Il commissariato di Fabriano

FABRIANO – Divieto di accedere per due anni a tutti gli esercizi pubblici e ai locali di intrattenimento del comune di Fabriano. Questa la decisione del Questore di Ancona, Cesare Capocasa, nei confronti del 30enne tunisino che il 2 magio scorso aveva aggredito un connazionale 35enne che si era rifiutato di accompagnarlo a Perugia con l’auto per acquistare droga. Il Daspo urbano, cosiddetto Dacur, è stato comminato dalla Questura anconetana per tutelare i cittadini di Fabriano dal ripetersi di situazioni che creano grande pericolo e turbativa. Qualora non dovesse rispettarlo, rischierebbe la denuncia alla Procura di Ancona che prevede la detenzione fino a due anni e la multa fino a ventimila euro.

Il fatto

Dopo la denuncia all’Autorità giudiziaria del cittadino trentenne, di nazionalità tunisina, che il giorno 2 maggio scorso aveva aggredito, in pieno centro, il connazionale 35enne che non voleva accompagnarlo a comprare “il fumo”, gli agenti del Commissariato di Pubblica sicurezza di Fabriano hanno subito segnalato l’episodio al Questore di Ancona per l’adozione di provvedimenti a tutela dell’Ordine e della Sicurezza pubblica.

La vittima è stata violentemente colpita con calci e pugni. A seguito dell’intervento della Polizia, l’uomo è stato trasportato con l’autombulanza al Pronto soccorso dell’ospedale Engles Profili. Qui, i sanitari gli hanno prestato le cure del caso per le ferite riportate al naso e ad una spalla, refertando una prognosi di 8 giorni. Agli agenti ha raccontato che l’aggressore, un trentenne conosciuto di vista, probabilmente ubriaco, aveva perso le staffe quando gli era stato negato il passaggio a Perugia per l’acquisto del “fumo” e per questo, dopo averlo attirato in un punto appartato dalla vista dei presenti, si era scagliato contro di lui prendendolo a pugni e a calci che, oltre alle lesioni, gli avevano procurato anche la rottura degli occhiali. L’aggressore, un trentenne di nazionalità tunisina noto alle Forze dell’Ordine che in passato si è messo in evidenza nella realtà fabrianese per episodi analoghi, spesso verificatisi proprio all’esterno di locali pubblici, è stato querelato. Analizzati con attenzione i fatti, il Questore di Ancona, Cesare Capocasa, ha ritenuto di emettere subito un provvedimento di Daspo urbano (cd Dacur) nei confronti dell’aggressore, applicando la sanzione massima prevista dalla normativa, ovvero il divieto di accedere per due anni a tutti gli esercizi pubblici e ai locali di intrattenimento del comune di Fabriano, pena la denuncia alla Procura di Ancona che prevede la detenzione fino a due anni e la multa fino a ventimila euro.