Chiesa gremita per l’ultimo saluto a Michele Mariotti

In tanti si sono stretti attorno al dolore della moglie Nicoletta e dei due figli piccoli. Il 32enne è morto il 3 agosto scorso a seguito di un incidente stradale avvenuto all’interno della grande rotatoria posta all’ingresso di Fabriano Est

L'arrivo del feretro in chiesa a San Nicolò

FABRIANO – Una folla commossa ha tributato l’ultimo saluto a Michele Mariotti questa mattina, 6 agosto, nella chiesa di San Nicolò, quartiere Borgo a Fabriano. In tanti si sono stretti attorno al dolore della moglie Nicoletta, dei due figli piccoli della coppia, dei parenti tutti, del 32enne morto il 3 agosto scorso a seguito di un incidente stradale avvenuto all’interno della grande rotatoria posta all’ingresso di Fabriano Est, mentre Michele la stava percorrendo in sella alla sua amata moto.

Come espressamente richiesto dalla famiglia, gli amici più stretti del giovane papà hanno rinunciato a scortare il feretro con le moto. Pochi i fiori e non per una mancanza di rispetto, ma anzi per aver raccolto in pieno il desiderio della moglie di Michele, di fare donazioni alle associazioni che si occupano della terribile malattia dell’Alzheimer, una delle tante cause che stavano molto a cuore al giovane papà.

Visi rigati dalle lacrime, occhi che mostravano evidente tristezza, ma tanta compostezza nel dolore, forte, che ha accomunato un’intera comunità. La chiesa di San Nicolò a Fabriano era gremita, segno evidente di quanto bene avesse fatto nella sua giovane vita, Michele. Molti i ricordi legati alla sua professione, ma anche e soprattutto al suo stare insieme con gli altri, avendo sempre tempo per gli amici, ascoltando e dando consigli. Ma soprattutto «quel sorriso che conquistava in un attimo tutti coloro che hanno avuto l’onore di conoscerti», alcune delle frasi più ricorrenti nei ricordi degli amici.

Don Luigi Forotti, parroco di San Nicolò, ha avuto parole di conforto durante l’omelia, invitando tutti a guardare al Cielo e alla Fedeltà di Dio «che non delude mai e che è sempre vicino a chi soffre». Parole che sono andate a lenire il forte senso di smarrimento che si respirava fra i presenti per una tragedia che ha colpito l’intera Fabriano. Solare, sempre attento alle esigenze di tutti, padre premuroso e amorevole, marito esemplare, il figlio, fratello, amico, che chiunque avrebbe voluto avere. La descrizione più fedele di Michele Mariotti che da oggi riposerà all’interno del cimitero di Santa Maria dove il feretro è stato sepolto una volta terminati i funerali.