Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Fabriano: concluso l’iter per realizzare il percorso ciclo-pedonale

Servirà a unire il parcheggio scambiatore di via Dante/via Bellocchi con gli istituti scolastici della cittadella degli studi: Licei Artistico, Classico e Scientifico, oltre al Morea. Intervento da 166mila euro

Il progetto del percorso

FABRIANO – Concluso l’iter per la realizzazione del percorso ciclo-pedonale a Fabriano che servirà a unire il parcheggio scambiatore di via Dante/via Bellocchi con gli istituti scolastici della cittadella degli studi: Licei Artistico, Classico e Scientifico, oltre al Morea. Intervento da 166mila euro. Ad annunciarlo il sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli.

«Da quando è stata inaugurata la cittadella degli studi a Fabriano, i numerosi studenti che frequentato i Licei cittadini – Artistico, Classico e Scientifico – spesso e volentieri, una volta giunti al parcheggio scambiatore, dove fermano i bus del trasporto scolastico soprattutto quelli provenienti da fuori città, hanno percorso a piedi il tratto di strada in questione, accorciando il tragitto entrando nel cimitero di Santa Maria. Una situazione che è stata spesso stigmatizzata per molteplici motivi, non ultimi gli schiamazzi all’interno del cimitero cittadino».

L’amministrazione comunale di Fabriano ha cercato fin da subito di porre un rimedio a questa situazione, cercando di intercettare finanziamenti pubblici. Ora, ci siamo. «È stato firmato in data 20 febbraio il contratto per i lavori di realizzazione del percorso ciclo-pedonale che unirà il parcheggio scambiatore con la cittadella degli studi», ha annunciato il primo cittadino, Gabriele Santarelli. Si tratta di un intervento del valore di 166mila euro che rientra nel progetto più ampio “Educare a percorsi di buona mobilità” «con il quale abbiamo già concesso dei voucher per i trasporti scolastici e finanziato con i fondi messi a disposizione dalla Strategia nazionale delle Aree interne», evidenzia ancora il Sindaco di Fabriano. «In questo modo i nostri ragazzi potranno utilizzare un percorso in sicurezza per raggiungere le scuole mettendo fine uno dei problemi che più volte ci hanno segnalato e sollecitato a risolvere», conclude Santarelli.