Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Fabriano: i Carabinieri arrestano 40enne per droga, aveva anche banconote false

I militari lo hanno sorpreso nei pressi della stazione ferroviaria. Per l'uomo residente in Umbria, una duplice accusa

Il materiale sequestrato

FABRIANO – I Carabinieri della Compagnia di Fabriano hanno arrestato un quarantenne extracomunitario, poiché trovato in possesso di sostanza stupefacente destinata allo spaccio e per spendita e introduzione nello Stato di monete falsificate. Ancora una brillante operazione di contrasto al consumo e allo spaccio di droga in città ad opera dei militari diretti dal capitano Mirco Marcucci.

Tutto è partito da alcune segnalazioni di cittadini che hanno evidenziato ai carabinieri, la presenza di un uomo che era, nelle prime ore serali, era solito scendere dai treni regionali e, con fare sospetto, si tratteneva nei pressi delle stazioni, ripartendo, poco dopo, col treno successivo. Un comportamento sospetto.

Per questo motivo è partita l’attività investigativa per verificare la veridicità della segnalazione. Ieri sera, 29 ottobre, si è deciso di passare all’azione. I militari in borghese hanno controllato l’uomo che da poco era sceso da treno regionale e, come era solito fare, continuava a stazionare nei pressi dello scalo ferroviario di Fabriano. L’extracomunitario, privo di occupazione, è stato trovato in possesso di un cospicuo numero di banconote di piccolo taglio, il cui possesso non è stato in grado di giustificare.

Si è, quindi, deciso di procedere a un’ulteriore indagine, perquisendo l’abitazione dell’uomo a Gualdo Tadino. Una giusta intuizione, visto che i militari hanno rinvenuto circa 10 grammi di eroina già suddivisa in dosi, materiale per il confezionamento, un cospicuo numero di telefoni cellulari, altro denaro in piccolo taglio e 100 euro falsi in banconote da 20. La droga, il materiale ed il denaro rinvenuti sono stati sequestrati e il 40enne extracomunitario, dunque, arrestato con una duplice accusa: possesso di droga ai fini di spaccio e per spendita e introduzione nello Stato di monete falsificate.

Le indagini andranno avanti per cercare di capire l’eventuale giro d’affari dell’uomo a Fabriano e gli eventuali clienti. Non sono esclusi ulteriori sviluppi nei prossimi giorni.