Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Quadrilatero, cantiere eterno. Arriva la “Carovana Indecente”

Il comitato sullo stato dei lavori della SS 76 ha fissato la data della protesta come «ultimo atto di mobilitazione». Si pensa a un serpentone di auto che percorrerà il tratto di strada fino a Serra San Quirico

FABRIANO – Un’assemblea pubblica si è riunita per decidere data e ora in cui dar vita ad una clamorosa protesta sul mancato completamento del raddoppio della SS 76, nell’ambito del maxi lotto n. 2 del progetto Quadrilatero, tratto Fabriano-Serra San Quirico. L’appuntamento è stato deciso per giovedì 12 dicembre, alle ore 21, nella sala Ubaldi.

È il comitato Indecente 76 ad organizzare, come da un anno a questa parte, l’iniziativa per non lasciare che i riflettori si spengano su questo eterno cantiere che ha fatto registrare l’avvicendamento di ben tre aziende in qualità di contraente generale. Due fallite e una terza, la Astaldi, in concordato, benchè, fortunatamente, l’aspetto finanziario sembri essere parzialmente scongiurato grazie all’ingresso di Salini-Impregilo.

«Dopo oltre un anno di assemblee pubbliche, di incontri istituzionali con i Sindaci, le associazioni di categoria e le parti sociali del territorio, dopo decine di comunicati stampa, nonostante un servizio televisivo su “Striscia la notizia” visto da milioni di persone, e dopo promesse e vane rassicurazioni, il Comitato di cittadini “Indecente 76” passa all’ultimo atto di mobilitazione: la “Carovana Indecente“. Un serpentone che dovrà snodarsi, a passo d’uomo, per i 12 km del tratto della “76” che va da Albacina a Serra San Quirico», annuncia il presidente del Comitato, Paolo Paladini.

I Lavori alla Quadrilatero fermi
I Lavori alla Quadrilatero fermi

«Per fissare la data dell’iniziativa, organizzarci al meglio e raccogliere le adesioni, è indetta una assemblea pubblica per il prossimo giovedì 12 dicembre alle ore 21 presso la Sala Ubaldi a Fabriano. Confidiamo nella fattiva collaborazione della cittadinanza», la chiamata-appello rivolta del presidente Paladini ai fabrianesi e non solo.

Il nodo legato al completamento del raddoppio della SS 76 è di vitale importanza per Fabriano, non solo per le aziende e i residenti, ma anche alla luce delle difficoltà legate alla chiusura del Punto nascita dell’ospedale Engles Profili, che obbliga le partorienti a corse pazze, con incognite legate ai tempi di percorrenza del tratto oggetto di lavori, in direzione dei presidi ospedalieri di Jesi e/o Ancona per partorire».