Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Fabriano, addio a Teatini e Antonini

In poche ore si sono spenti gli ex assessori Angelo Antonini e Giancarlo Teatini. Entrambi hanno insegnato nelle scuole cittadine e accompagnato molte generazioni nell'ambito della cultura

panoramica di Fabriano

FABRIANO – Doppio lutto nel mondo della politica e della scuola fabrianse. Si è spento

Giancarlo Teatini

questa mattina, 10 febbraio, il professor Giancarlo Teatini, all’età di 78 anni. Il decesso è avvenuto all’Hospice dell’ospedale Engles Profili dove era ricoverato da tempo a causa di un male incurabile. Teatini è stato assessore alla cultura negli anni ‘80 e preside dell’Istituto Comprensivo Fernanda Imondi Romagnoli, dopo aver insegnato nelle scuole del comprensorio. Fautore del restyling del complesso San Domenico, oggi Museo della Carta e della Filigrana. Direttore responsabile de Il Piccolo, giornale della Gioventù musicale sezione di Fabriano. Uomo di grande spessore culturale che ha accompagnato numerose generazioni di fabrianesi e non solo, durante la sua attività scolastico. I funerali si svolgeranno domani 11 febbraio alle 14:30 nella chiesa della Misericordia. Il feretro sarà, quindi, tumulato al cimitero delle Cortine.

 

Angelo Antonini

Il decesso di Teatini, segue di poche ore quello di Angelo Antonini spentosi a 92 anni il 9 febbraio. Storico docente di Lettere e Latino in molte scuole di Fabriano e del comprensorio, compreso Sassoferrato e Cerreto D’Esi. Negli ultimi anni della sua carriera aveva ricoperto anche l’incarico di preside della Allegretto di Nuzio. Attivo anche in politica, ricoprendo il ruolo di assessore negli ani ’60. «Una persona di grandissima cultura umanistica. Ironico quanto basta, ma soprattutto di una intelligenza viva», lo ricorda in post su Facebook, Giampaolo Ballelli. «Dai modi gentili, di quella educazione del passato che oggi è sempre più difficile trovare. Caro professor Angelo, ci mancherai». Il post ha ricevuto, immediatamente, tanti commenti di molti suoi ex alunni che lo hanno ricordato in modo commosso.

La camera ardente è stata allestita nei locali dell’obitorio dell’ospedale cittadino. Il funerale si svolgerà sabato 11 febbraio alle 11 nella chiesa di San Biagio. Il feretro sarà quindi tumulato all’interno del cimitero di Santa Maria.