Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Ecco i nomi degli assessori della giunta Santarelli

Definita anche la composizione del nuovo consiglio comunale. Cresce di molto la componente "rosa": sei consiglieri donne nella maggioranza e una nelle fila delle opposizioni

Palazzo Chiavelli sede del Consiglio comunale cittadino (al momento inagibile per i danni causati dal sisma)

FABRIANO – Con la vittoria di Gabriele Santarelli si è composto ufficialmente anche il nuovo Consiglio comunale di Fabriano.
La maggioranza sarà composta da 15 consiglieri: Joselito Arcioni 407 preferenze, Stefania Santarelli 163 voti, Giuseppina Tobaldi 133 preferenze, Guido La Rovere con 124 voti, Roberto Marani 98 preferenze, Cristiano Pascucci 93 voti, Roberta Stazi 85 preferenze, Andrea Romani 74 voti, Monica Tisi 70 preferenze, Barbara Pagnoncelli 66 voti, William Giordano 60 preferenze, Alessio Betti 58 voti, Paolo Rossi 52 preferenze e Claudia Palazzi 50 voti. In realtà, considerando che Santarelli ha già annunciato parte della Giunta con Arcioni, Pascucci e Pagnoncelli assessori in pectore, ci sarà la loro surroga. Quindi, entreranno anche Sara Marinucci 37 voti, Guido Passari 35 preferenze e Clenio Mancini 25 voti.

Fra le fila della maggioranza figura il consigliere comunale più giovane, Alessio Betti con i suoi 21 anni da compiere ad agosto e ben sei donne: Stefania Santarelli, Giuseppina Tobaldi, Roberta Stazi, Monica Tisi, Claudia Palazzi e Sara Marinucci. La componente femminile sale, complessivamente, a sette vista anche la presenza, fra le opposizioni, di Barbara Pallucca. Quasi il doppio rispetto all’uscente consiliatura dove le donne erano solo quattro.

Per quel che riguarda le opposizioni, cinque scranni consiliari alla coalizione Insieme per Fabriano, di cui 4 al Pd: Giovanni Balducci, Michele Crocetti, Renzo Stroppa, Barbara Pallucca. E uno a Fabriano Popolare: Vanio Cingolani.
Due seggi alla coalizione che ha sostenuto Vincenzo Scattolini, quest’ultimo e Olindo Stroppa.
Due seggi per Fabriano Progressista: Vinicio Arteconi e Andrea Giombi.
A conti fatti, i consiglieri comunali presenti nell’uscente Amministrazione comunale e che si sono ripresentati per essere rieletti sono: Giovanni Balducci, Renzo Stroppa, Barbara Pallucca, Vanio Cingolani e Joselito Arcioni. Dunque, un rinnovamento quasi totale.
Per quel che riguarda la composizione dell’Esecutivo, solo una casella rimane vuota: l’assessore ai Servizi alla persona, alias servizi sociali.

Oltre a Santarelli, faranno parte della Giunta: Joselito Arcioni, 53 anni, consulente per la mobilità che potrebbe essere nominato anche vicesindaco con deleghe alla Mobilità, Personale e Riorganizzazione macchina amministrativa, Sicurezza, Commercio, Trasparenza amministrativa; Barbara Pagnoncelli, 44 anni, ingegnere con deleghe a Lavoro, Attività produttive, Artigianato, Programmazione dello sviluppo territoriale (fondi UE), Agricoltura e Politiche giovanili; Ilaria Venanzoni, 39 anni, funzionario archeologo con deleghe Cultura, Turismo, Istruzione, Biblioteca e Musei, Rapporti istituzionali di rete; Cristiano Pascucci, 46 anni, geologo con deleghe Protezione civile, Decoro urbano, Urbanistica e Lavori pubblici, PEBA (Progetto Eliminazione Barriere Architettoniche); Francesco Bolzonetti, 55 anni, ispettore bancario con deleghe a Bilancio e Controllo di gestione, Partecipate, Ottimizzazione delle risorse; Francesco Scaloni, 50 anni, avvocato, con delega allo Sport.
Come evidenziato dal neo eletto sindaco, le deleghe potrebbero essere anche riviste una volta che sarà individuato anche l’Assessore mancante.