Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Cupramontana: vende online un motorino ma viene truffato. Denunciate due persone

I carabinieri della locale stazione sono riusciti a identificare e denunciare due persone, un 40enne residente in Campania e un 35enne residente in Umbria

CUPRAMONTANA – Terza truffa informatica, con il medesimo modus operandi, scoperta dai carabinieri della Compagnia di Fabriano, diretta dal capitano Mirco Marcucci, nel giro di una decina di giorni. In questo caso, il reato si è consumato ai danni di un giovane di Cupramontana. A dargli un aiuto, i militari della locale stazione, che dipende dalla Compagnia fabrianese, che sono riusciti a identificare e denunciare due persone, un 40enne residente in Campania e un 35enne residente in Umbria. Dovranno entrambi rispondere dell’accusa di truffa in concorso.

I fatti

Non passa settimana ormai che i carabinieri non vengano chiamati in causa da persone vittime di truffe residenti a Fabriano e nel comprensorio. I carabinieri della stazione di Cupramontana, Compagnia di Fabriano, hanno denunciato due persone, una quarantenne della Campania e un 35enne dell’Umbria per truffa in concorso. A cadere nella loro trappola è stato un giovane cuprense. Quest’ultimo ha messo in vendita on-line un motorino. I due, poco dopo la pubblicazione di quell’annuncio, l’hanno contattato affermando di essere molto motivati ad acquistare il mezzo. Dopo una veloce trattativa sono riusciti a far cadere il ragazzo nella loro truffa. Con la scusa di effettuare un versamento da 500 euro che non andava a buon fine, hanno confuso verbalmente il proprietario del motorino a tal punto da convincerlo a effettuare egli stesso un versamento sulla carta prepagata dei due truffatori. La cifra che con l’inganno gli hanno sottratto ammonta complessivamente a 500 euro. Dunque, il ragazzo cuprense invece di incassare la somma, l’ha versata. Quando i due sono scomparsi nel nulla, il giovane ha capito di essere stato truffato. Ha raggiunto la caserma della stazione di Cupramontana per sporgere denuncia. I militari dopo lunghe indagini informatiche sono riusciti ad identificare e denunciare per truffa in concorso i due soggetti.