Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Fabriano: Droga nascosta nell’auto, arrestato pusher

I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia cittadina hanno intercettato il 30enne mentre era a bordo della propria automobile

Droga sequestrata

FABRIANO – Droga nascosta nello sportello dell’auto e pronta a essere spacciata nella piazza di Fabriano. I carabinieri della Compagnia cittadina, diretti dal capitano Mirco Marcucci, lo intercettano e lo denunciano per possesso di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Brillante operazione messa a segno dai carabinieri della Compagnia di Fabriano nell’ambito dei servizi di controllo del territorio quotidianamente svolti. In particolare, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno arrestato un trentenne di Fabriano già noto alle forze dell’ordine. Il “pusher” è stato intercettato nella serata di ieri, 16 settembre, nelle vicinanze del centro cittadino mentre era a bordo della propria auto. Ad insospettire i carabinieri il fatto che l’automobilista abbia accelerato non appena ha intravisto i militari.

L’intimazione dell’alt e l’avvio dei controlli, durante i quali all’occhio attento dei carabinieri non è sfuggito l’atteggiamento “nervoso” del 30enne. Si è, quindi, deciso di procedere a controlli più approfonditi. Il fabrianese è stato prima perquisito personalmente, non trovando nulla. Poi, si è proceduto a una perquisizione del veicolo. I militari hanno così rinvenuto e sequestrato diverse dosi di sostanza stupefacente – circa 10 grammi di cocaina, 7 di hashish ed 1 di eroina – celate all’interno del veicolo, esattamente all’interno dello sportello. Il ritrovamento anche di un bilancino di precisione non ha fatto altro che confermare come il 30enne fosse dedito all’attività di spaccio di sostanze stupefacenti. Molto probabilmente, la sera stessa in cui è stato fermato era pronto a farlo.

Il 30enne è stato, dunque, arrestato con l’accusa di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e condotto presso la propria abitazione in attesa del giudizio direttissimo che si è svolto nella giornata di oggi al Tribunale di Ancona. Il Giudice ha convalidato l’arresto, disponendo l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria quale misura cautelare in attesa della celebrazione del processo.