Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Covid a Fabriano, la Faber dona una tensostruttura per la campagna di vaccinazione

Sarà ubicata nei pressi del piazzale Vittor Ugo Petruio (area sosta camper). I ringraziamenti dell'Area Vasta 2 e del sindaco della città della carta, Gabriele Santarelli

La sede amministrativa della Faber a Fabriano

FABRIANO – Una tensostruttura a Fabriano per poter affrontare al meglio e nella massima sicurezza la pandemia, e, in particolare, l’accertamento della positività al Coronavirus e la somministrazione del vaccino anti Covid-19. A donarla, la Faber, multinazionale nel settore delle cappe aspiranti di proprietà del gruppo svizzero Franke, che conferma la sua grande attenzione nei confronti dei territori – soprattutto il fabrianese – in cui opera. «Un sentito grazie alla Faber per l’importante dono che ha voluto fare alla comunità fabrianese», le parole del sindaco della città della carta, Gabriele Santarelli.

Domani, 7 gennaio, alle 19, nei pressi del piazzale Vittor Ugo Petruio (area sosta camper di Fabriano), avrà luogo l’inaugurazione di una tensostruttura donata ai Servizi Territoriali del Distretto Sanitario di Fabriano dalla Faber Spa, «per lodevole iniziativa del suo direttore generale Riccardo Remedi», specifica la nota dell’Area Vasta 2.

«Si tratta di una tensostruttura con container da poter utilizzare per garantire spazi e strutture adeguate per la realizzazione di iniziative nell’ambito di percorsi di prevenzione, diagnosi e cura, e per l’espletamento di funzioni specifiche, quali ad esempio campagne collettive di vaccinazioni di massa». Il sindaco di Fabriano Gabriele Santarelli ed il Direttore di Area Vasta Giovanni Guidi «hanno accolto con favore tale donazione che, grazie al progetto definito dal Direttore facente funzioni del Distretto sanitario Rossella Carletti, risulterà a vantaggio della popolazione».

Dunque, una tensostruttura che potrà assolvere a diversi scopi, ma non a quello relativo all’ampia operazione di screening di massa per contrastare la diffusione del Covid-19 che è in calendario dall’11 al 13 gennaio prossimi, organizzata dalla Regione Marche con la collaborazione dell’Area Vasta n. 2, della Protezione civile – sezione di Fabriano – e dei Comuni di Fabriano, Sassoferrato, Cerreto d’Esi, Genga, Serra San Quirico e Mergo. E questo solo per una questione di tempo, altrimenti si sarebbe potuta utilizzarla fin da subito.