Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Coronavirus, Lega Fabriano: cabina di regia e misure concrete nel prossimo bilancio comunale

Sono state proposte sospensioni per i tributi locali che devono trovare copertura dalla manovra economica non ancora approvata. «Chiediamo che venga convocato al più presto il consiglio comunale»

Alcuni esponenti del coordinamento della Lega di Fabriano

FABRIANO – Istituzione di una cabina di regia, coinvolgendo le associazioni di categoria per intercettare bisogni e proposte per affrontare la crisi attuale causata dal Coronavirus e programmare il dopo. A lanciare la proposta è la Lega di Fabriano che, senza polemica, propone una serie di misure «di buon senso per andare incontro alle esigenze di famiglie e attività in difficoltà».

Dunque, uno spirito costruttivo sembra animare la politica di Fabriano. La Lega lancia alcune idee: esenzione della Tosap, in previsione del distanziamento sociale per bar e ristoranti dove possibile concedere più spazio gratuitamente, così da agevolare l’organizzazione degli spazi. Sospensione di Imu e Tari per tutto il 2020, prevedendo una rateizzazione senza interessi di mora e sanzioni a partire da gennaio 2021.
Il Comune avrebbe garantito la liquidità a bilancio e il tutto avrebbe un minor impatto nei pagamenti per le attività nella ripartenza. Sospensione della tassa dei rifiuti, ricalcolandola considerando i tempi di chiusura attività. Sospensione dei canoni di locazione nei locali di proprietà comunali per tutto il periodo di chiusura attività. Sospensione dei canoni di locazione per le società e associazioni sportive che usufruiscono di impianti comunali.

«Ora c’è la parte più complessa perché per attuarla dovremmo aspettare l’approvazione del bilancio, cosa che al momento non è ancora avvenuta. Molto probabilmente sarà un bilancio che avrà un avanzo positivo mai registrato nella storia del comune di Fabriano. Tutte le somme che erano state destinate a sovvenzioni o eventi in genere non sono state impegnate e continua a essere attivo il blocco dei mutui, queste somme sono disponibili e chiediamo all’amministrazione di creare un fondo per sostenere le famiglie, le attività commerciali e le imprese in difficoltà». Attuare il Micro Credito Comunale «per aiutare a sopravvivere tutte quelle attività che con fatica sono riuscite a superare la crisi economica che da anni attanaglia la nostra città e per non far morire i sogni e i sacrifici di chi si è speso in prima persona per non far diventare questo territorio un deserto più esteso di quello che è, per aiutare le famiglie di chi senza colpa oggi si trova a non avere un reddito e non è coperto da nessun ammortizzatore sociale».

Se l’amministrazione metterà in campo queste proposte e altre che vadano in questo senso, «siamo pronti a impegnarci per dare una mano con spirito collaborativo e di servizio verso la comunità – conclude la Lega sezione di Fabriano -. Chiediamo che venga convocato al più presto il consiglio comunale per approvare il bilancio così da poter mettere in atto tutto quello che serve per aiutare chi in questo momento è in difficoltà».