Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Coronavirus, contagi in lieve discesa nell’Ambito 10 tranne che a Cerreto d’Esi

Trend in discesa a Fabriano, Sassoferrato, Genga e Serra San Quirico. Cerreto piange la morte di Giovanni Santolini

Vaccinazione alle Rsa di Cerreto D'Esi

FABRIANO – Si conferma il trend in discesa del numero degli attualmente positivi al Coronavirus in quattro dei cinque comuni dell’Ambito 10: Fabriano, Sassoferrato, Genga e Serra San Quirico. «Non abbassare la guardia visto che le temperature si stanno alzando e si avvicinano le festività pasquali, quindi occorre essere ancora più responsabili», ripetono in coro i Sindaci. Raccomandazioni che valgono soprattutto per Cerreto d’Esi dove, unico comune del comprensorio in controtendenza, i numeri continuano a salire, anche se non più esponenzialmente.

A Fabriano i numeri dall’inizio della pandemia sono 1.830 casi accertati: 373 attualmente positivi, 1.402 guariti e, purtroppo, 55 decessi. In quarantena e/o isolamento fiduciario ci sono 588 fabrianesi. Un aumento improvviso dopo che si erano, invece, registrati giorni di calma, a questo punto, apparente. All’ospedale Engles Profili ci sono 5 persone attualmente ricoverate nei posti letto approntati nel nuovo reparto Covid a bassa intensità aperto nei locali dell’ex Hospice.

A Sassoferrato le guarigioni aumentano. Dall’inizio della pandemia di Covid-19 nella città sentinate sono 454: 90 attualmente positivi, 357 guariti – 35 nell’ultima settimana – e 7 decessi. A questi si aggiungono 152 persone sottoposte a quarantena fiduciaria.

Come detto, unico comune in controtendenza è Cerreto d’Esi dove sono state isolate le varianti inglese e brasiliana, e i nuovi positivi sono schizzati alle stelle, altri 10 negli ultimi giorni. Dall’inizio della pandemia sono 221 i casi di Coronavirus registrati: 105 attualmente positivi, 112 guariti e 5 decessi. Le persone in quarantena e/o isolamento fiduciario sono 138. «La curva sembra in una lenta stabilizzazione che ci fa sperare che il picco per la nostra città non sia lontano. Ma dobbiamo stare ancora molto attenti a non assumere comportamenti sbagliati.
Oggi purtroppo la città piange la scomparsa di un concittadino, un grande dolore per i suoi cari, ma anche per l’intera comunità, stamattina infatti la cittadinanza è rimasta sgomenta alla notizia della morte prematura di Giovanni Santolini (Gianni), vittima di questo morbo che a volte purtroppo non perdona.
«L’amministrazione attonita si stringe attorno al dolore della famiglia, ricordando Giannetto per la disponibilità verso i cittadini, grande simpatia e vivacità», dichiara il sindaco, David Grillini.
C’è anche una bella notizia. Sono state somministrate, infatti, le seconde dosi agli ospiti delle residenze protette “Palazzo Refi” e “Giovanni Paolo II”. «Le nostre strutture, pur nelle innumerevoli difficoltà oggettive dovute a tutto il quadro complessivo, si sono mantenute Covid free dal primo giorno dell’emergenza sanitaria. Un unicum, una straordinaria eccezione nel panorama territoriale che ha permesso alle due strutture cerretesi di essere fra le uniche a mantenersi libere dal virus. Un traguardo centrato grazie alla collaborazione tra Comune ed ente gestore, la cooperativa COOSS Marche. Questa fattiva sinergia ha permesso di salvaguardare efficacemente la salute dei nostri anziani. Come Amministrazione comunale, esprimiamo la più viva e grande soddisfazione per questo straordinario traguardo e vogliamo soprattutto ringraziare tutti gli operatori in servizio durante questa lunga emergenza sanitaria nelle due strutture per il formidabile impegno profuso quotidianamente nell’assistenza degli ospiti. Ringraziamo, infine, le equipe dell’Area Vasta 2 impegnate nella somministrazione del vaccino che hanno collaborato con gli infermieri e gli oss in servizio, mettendo in campo un’organizzazione eccellente», conclude Grillini.

Tornando ai numeri. A Genga, dall’inizio della pandemia sono 97 casi complessivi, di cui 16 gli attualmente positivi, 76 guariti e, purtroppo, 5 decessi. Le persone in isolamento fiduciario e/o quarantena sono 29.

A Serra San Quirico, i numeri dall’inizio della pandemia da Coronavirus hanno fatto registrare 165 casi complessivi: 42 gli attualmente positivi, 121 guariti e due vittime. Sono 62 i serrani in isolamento fiduciario e/o quarantena.