Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Confindustria raddoppia: accordo anche con l’istituto Morea Vivarelli di Fabriano

Si rafforza la sinergia fra mondo dell'industria e scuola. Il patto è stato siglato dalla presidente del Comitato territoriale fabrianese, Federica Capriotti, e del dirigente scolastico Emilio Procaccini

Emilio Procaccini e Federica Capriotti
Emilio Procaccini e Federica Capriotti

FABRIANO – Si rafforza la sinergia fra mondo dell’industria e mondo scolastico di Fabriano. Firmato di un protocollo d’intesa tra Confindustria Marche Nord Raggruppamento di Imprese fabrianese e l’Istituto d’istruzione superiore Morea Vivarelli di Fabriano, rappresentati rispettivamente da Federica Capriotti, presidente del Comitato territoriale dell’Associazione di categoria degli industriali, e dal dirigente scolastico Emilio Procaccini.

L’accordo si concretizzerà in una serie di iniziative quali visite all’interno delle aziende, testimonianze di imprenditori nella scuola, coinvolgimento dell’IIS Morea Vivarelli nelle iniziative che Confindustria porta avanti sul territorio in materia di formazione e orientamento.

«I rapporti con il mondo dell’education sono uno dei punti cardine del nostro programma di lavoro. Abbiamo già firmato a Fabriano un protocollo d’intesa con l’IIS Merloni Miliani e quello appena sottoscritto con l’IIS Morea Vivarelli rafforza il nostro impegno nell’attivare una collaborazione concreta e duratura con le scuole e in particolare gli istituti tecnici e professionali, soprattutto in un territorio ad alta vocazione manifatturiera come il nostro» le parole della Capriotti. «Abbiamo anche realizzato una sorta di carta d’identità delle imprese del comprensorio in cui si identificano le loro esigenze. Un passo in più verso l’obiettivo di sposare le richieste del mondo produttivo con i programmi scolastici e trovare ragazzi non solo preparati ma anche motivati a entrare nelle aziende».

«Il nostro territorio ha sofferto più di altri di una crisi profonda ma i segnali di ripresa ci sono – ha aggiunto Procaccini – e uno dei nostri obiettivi, come istituto formativo, è quello di attivare sinergie con gli stakeholders del territorio per aiutare a i ragazzi a inserirsi nel mondo del lavoro. Il nostro compito è di fornire conoscenze che devono però evolvere in competenze che le aziende di oggi richiedono e la firma del protocollo con Confindustria ci aiuta in questo percorso: i nostri studenti avranno la possibilità di entrare a diretto contatto con le aziende del territorio e al contempo lavoreremo insieme per sviluppare quelle competenze trasversali sempre più necessarie per affrontare un mondo del lavoro in continua e rapida evoluzione. Quello su cui puntiamo come istituto, in questo periodo di orientamento alla scelta della scuola superiori, è far comprendere ai ragazzi e alle loro famiglie la dualità della nostra offerta e il valore degli istituti tecnici, che sono in grado di fornire conoscenze e competenze spendibili subito per iniziare a lavorare ma che consentono anche l’iscrizione a percorsi universitari».