Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Comune di Fabriano ancora in lockdown: scatta l’interpellanza

Protocollata da parte del capogruppo del Partito Democratico Giovanni Balducci, che chiede conto all'amministrazione sul perdurare della chiusura al pubblico degli uffici comunali

La sede del Comune di Fabriano
La sede del Comune di Fabriano

FABRIANO – Comune di Fabriano ancora in lockdown e non si riesce a capire fino a quando. Per questo è stata protocollata un’interpellanza da parte del capogruppo del Partito Democratico, Giovanni Balducci: «Visto il perdurare della totale chiusura al pubblico degli uffici comunali di Fabriano, ho protocollato un’interpellanza per provare a saperne qualcosa di più».

Il consigliere comunale di opposizione sollecita l’amministrazione comunale. «Visto quanto pubblicato dall’ente sui social e dai rappresentanti sindacali – dice Balducci – e che enti, limitrofi e non al Comune di Fabriano, hanno garantito, seppur in maniera ridotta, controllata e o previo appuntamento telefonico, il funzionamento pressoché totale dei propri uffici comunali aperti al pubblico, chiedo di capire come questa giunta intende muoversi».

Balducci evidenzia che, ad oggi, «gli uffici comunali di Fabriano sono desolatamente e mestamente preclusi all’accesso pubblico e non sono presenti, all’interno dell’edificio, nemmeno i dipendenti, se non in ridottissime unità». Nell’interpellanza Balducci chiede di conoscere quanti incontri tra l’amministrazione e i datori di lavoro sono stati fatti da quando è iniziata, a marzo, l’emergenza Covid; quando il responsabile ha protocollato il “piano di sicurezza” funzionale all’utilizzo dello stabile; se è stata effettivamente inoltrata diffida all’amministrazione comunale da parte del sindacato e quando è prevista la riapertura parziale e totale al pubblico degli uffici.

Giovanni Balducci

Riferimento, quest’ultimo, alla ferma presa di posizione da parte della Uil Flp che è arrivato a diffidare il Comune di Fabriano richiamandolo a rispettare le regole relative alla prevenzione della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro. Non si è fatta attendere la replica del primo cittadino fabrianese, Gabriele Santarelli, che ha stigmatizzato l’atteggiamento della sigla sindacale di categoria, confermando, però, che non c’è ancora una data certa sulla riapertura degli uffici e che la maggioranza degli impiegati sta lavorando da casa. Ribadendo, infine, che è molto probabile comunque che si arrivi a una riapertura graduale con accesso consentito solo previo appuntamento. Una situazione, dunque, che potrebbe protrarsi ancora, con diversi gradi di limitazione, per ancora molto tempo.