Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Chiusura dell’Hospice di Fabriano, interrogazione della consigliera Lupini. Le bacchettate di Saltamartini all’Asur

La vicepresidente della Commissione Sanità ha chiesto conto all’assessore regionale alla Sanità, Filippo Saltamartini, della chiusura di questo importante servizio. «Un impegno trasversale per ripristinare l’Hospice di Fabriano: rispettiamo i pazienti»

Simona Lupini

FABRIANO – L’Hospice di Fabriano è stato al centro di un’interrogazione in Consiglio regionale. La consigliera Simona Lupini, vicepresidente della Commissione Sanità, ha chiesto conto all’assessore regionale alla Sanità, Filippo Saltamartini, della chiusura di questo importante servizio. «Un impegno trasversale per ripristinare l’Hospice di Fabriano: rispettiamo i pazienti», le parole della Lupini.

L’interrogazione

Il reparto Hospice dell’ospedale Engles Profili di Fabriano, considerato un’eccellenza nel territorio, ha visto negli ultimi giorni l’improvviso spostamento dei pazienti, a causa della carenza di personale infermieristico, scatenando la reazione dei familiari. Presentando un’interrogazione rivolta all’assessore Saltamartini, la Consigliera regionale fabrianese Simona Lupini (Gruppo Misto) ha stigmatizzato la situazione.

«Spostare i pazienti terminali dell’Hospice da un piano ad un altro dell’ospedale è un atto pesante. Le ripercussioni che questo può aver causato vanno valutate. Anche pochi giorni possono aver fatto la differenza. La situazione è davvero grave e non è la prima volta che ci troviamo in condizioni simili. Auspichiamo per un intervento immediato che ripristini l’operatività dell’Hospice nel minor tempo possibile».

Anche l’assessore Saltamartini, rispondendo in Aula, ha preso le distanze da quanto accaduto, riportando di aver chiesto all’ASUR di riportare il reparto Hospice alla sua precedente collocazione. Un impegno trasversale, considerato che anche il Partito Democratico ha presentato un’interrogazione in tal senso. La consigliera Lupini assicura la massima vigilanza. «Non abbassiamo la guardia: intendo verificare di persona che l’Hospice sia stato ripristinato. Una situazione del genere è inaccettabile».