Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Cerreto D’Esi, ufficiale il nome del primo candidato a sindaco

L'ex consigliere del Pcl, Marco Zamparini, sarà alla guida di un gruppo di persone che si è riunito attorno a un progetto civico. Ecco le sue parole per la discesa in campo

Cerreto D'Esi
Cerreto D'Esi

CERRETO D’ESI – Marco Zamparini rompe gli indugi e ufficializza la propria candidatura a sindaco di Cerreto D’Esi con una lista civica. «Il mio gruppo è una lista cittadina pronta per la prossima tornata elettorale ed è composta da sole persone della società civile e dell’associazionismo. Abbiamo le idee molto chiare di quello che vogliamo fare per ricostruire la comunità, i contorni e i giochi di potere non ci interessano. Sarò un candidato sindaco che saprà guardare al futuro in autonomia, senza perdere la mia dignità di persona libera e nel rispetto incondizionato del gruppo a cui appartengo. Ringrazio per questo tutte quelle persone che hanno deciso di scendere in campo al mio fianco, sostenendomi e aiutandomi nell’avvio di questo nuovo percorso che vedrete al più presto», scrive Zamparini dando appuntamento alle prossime settimane per la presentazione ufficiale del progetto civico.

Inizia a delinearsi, dunque, il campo dei partecipanti alla prossima tornata elettorale per il rinnovo dell’amministrazione comunale di Cerreto D’Esi. Il primo nome certo è quello di Marco Zamparini, ex consigliere comunale del Pcl, che darà vita a un progetto completamento civico. «In questi giorni sono molte le pressioni politiche che mi giungono, affinché s’istauri un’alleanza tra le forze di centrosinistra o insieme a quelle di opposizione. Già ad ottobre avevo le idee chiare sul mio futuro e su cosa creare per le prossime elezioni comunali, insomma una prospettiva chiara e decisa. In questi ultimi cinque anni credo di aver rappresentato con il maggior sforzo possibile le 175 persone che mi elessero per rappresentarle in consiglio comunale. Non nego affatto che sia stata molto dura e impegnativa questa esperienza, soprattutto quando ho affrontato il tema scuole, la situazione post-sisma e tantissime decisioni dall’attuale maggioranza che non ho assolutamente condiviso, contrastandole puntualmente».

Marco Zamparini

Non ci sarà spazio per alleanze. «Non rinnego affatto il mio passato, non cambio il mio pensiero e non mi vendo, soprattutto per scambi di assessorati e poltrone varie – dice Zamparini -. Non sarei me stesso se accettassi un’alleanza con le stesse persone con le quali non ho una visione compatta del territorio, del rilancio della comunità, di prospettive politiche e che reputo soprattutto responsabili del declino economico dell’Ente comunale, della mala gestione degli ultimi vent’anni. Non abbandonerò mai un gruppo in cui credo, che dalla fine dello scorso anno è con me, per vendermi totalmente in mano di ciò che reputo corresponsabile dell’attuale precaria situazione economica e sociale. Io non posso essere il male assoluto solo perché ho una chiara visione di cosa voglio fare, e non posso essere nemmeno la causa dei vostri insuccessi. Fermatevi un attimo e ragionate», la risposta ferma e decisa a tutte quelle forze, Pd in testa, avrebbero voluto un fronte compatto per contrastare la probabilissima ricandidatura del sindaco uscente Giovanni Porcarelli.

«Mi sento maturo per prendermi le mie responsabilità, tanto che ho messo subito al corrente il mio gruppo delle richieste fattemi da altre forze politiche. Il mio gruppo crede in me e nel nostro progetto, ed ha scelto in maniera totalmente autonoma e all’unanimità, di essere fuori da tutti questi classici rimpasti. Non ci sono le condizioni politiche affinché questo dialogo sulle alleanze possa continuare. Vedremo da tutte le parti rimaneggiamenti, chi era in questa maggioranza mischiato alle opposizioni che li hanno contrastati fino a ieri, forse di facciata e basta oserei dire. Il discorso alleanze per me si chiude qua, ogni lamentela è respinta al mittente», conclude il primo candidato ufficialmente in lizza per la carica di Sindaco di Cerreto D’Esi.