Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Cerreto D’Esi: il gioco di ruolo per aiutare la socialità fra i giovani in tempi di Covid

L’evento “La Grande Avventura: La Scomparsa di Sara” è stato organizzato dal Comune in collaborazione con l’Ambito 10 di Fabriano ed ha riscosso un notevole successo

Cerreto d'Esi
Cerreto d'Esi

CERRETO D’ESI – Può un gioco di ruolo online aiutare la socialità dei giovani in un momento di crisi sanitaria dovuta al Coronavirus? La risposta è affermativa se si considera il grande successo riscosso da un’iniziativa che si è svolta nei sabati di aprile e maggio scorsi a Cerreto D’Esi. L’evento “La Grande Avventura: La Scomparsa di Sara” è stato organizzato dal Comune di Cerreto d’Esi in collaborazione con l’Ambito 10 di Fabriano. Questo gioco investigativo, ideato da Dimensioni Nascoste di Fabriano e rivolto ai giovani del territorio, è stato articolato in quattro episodi che hanno visto un’ampia adesione di giocatori, una media di 50 persone a sessione che hanno giocato on line, tramite la applicazione Mysteryfy sviluppata da Dimensioni Nascoste.

Dal Comune

Il gioco ha raccontato la storia di fantasia di Sara, una ragazza di Cerreto D’Esi, scomparsa in circostanze misteriose. Grazie a un appassionante e divertente lavoro di squadra, i giocatori collegati fra loro in videoconferenza, hanno attraversato i luoghi del nostro comprensorio cerretese, risolto enigmi, cercato indizi e sono riusciti infine a trovare la ragazza scomparsa e a ricostruire gli eventi che hanno portato al suo rapimento. «L’Amministrazione comunale, in collaborazione con l’Ambito 10, ha chiesto il sostegno di Dimensioni Nascoste per organizzare questo gioco, rivolto alle ragazze e ai ragazzi di Cerreto D’Esi, al fine di incentivare la socializzazione tra i giovani che è venuta a mancare in questo periodo di restrizioni per la pandemia. Questo gioco, oltre ad essere stimolante e coinvolgente, ha dimostrato anche la possibilità di scoprire un territorio divertendosi. Il grande successo riscosso da questo evento mostra, infatti, anche le sue grandi potenzialità di promozione territoriale, di incoming turistico e incentiva la fruizione delle tante bellezze architettoniche, artistiche e paesaggistiche», il commento del sindaco cerretese, David Grillini

Gli organizzatori

«In questa occasione la tecnologia è stata determinante per coinvolgere e aggregare i giovani del nostro territorio. Un utilizzo intelligente degli strumenti digitali rappresenta sicuramente un ottimo veicolo di socializzazione in questo periodo», ha evidenziato il coordinatore dell’Ambito 10 di Fabriano, Lamberto Pellegrini. Secondo Lorenzo Armezzani di Dimensioni Nascoste, uno degli autori del gioco, «La Grande Avventura: La Scomparsa di Sara” si è rivelato un utile strumento per abbattere la distanza e l’isolamento che a volte l’esperienza del videogioco rischia di creare offrendo invece l’opportunità alle persone di ritrovarsi, socializzare e divertirsi insieme anche online».