Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Calo dei finanziamenti statali, interpellanza di Fabriano Progressista

Il consigliere comunale di opposizione, Andrea Giombi, interpella l'Esecutivo pentastellato per chiedere che si proceda a un'attenta verifica sui trasferimenti statali, evidenziarne il calo e correre ai ripari

Una veduta di Fabriano

FABRIANO – Nuova interpellanza presentata dal capogruppo di Fabriano Progressista, Andrea Giombi. L’argomento oggetto dell’atto consiliare riguarda le possibili mancate entrate statali in favore del Comune di Fabriano in tema di spesa pubblica.

«La situazione sociale locale è tale che l’intero Consiglio comunale nella seduta del 21 novembre 2017 ha stipulato un atto condiviso all’unanimità nel quale si esprime l’iter politico locale volto fronteggiare la crisi lavorativa: incontro permanente tra le forze politiche, economiche, sociali del territorio, quindi comprendente anche ulteriori Comuni a noi prossimi, volto ad un confronto che cerchi di dare soluzione al dramma sociale della carenza del lavoro; richiesta affinché la Regione Marche avvii l’iter per il riconoscimento della Area sociale di crisi complessa per il nostro territorio; richiesta volta alla convocazione nella città di Fabriano della Commissione regionale in tema lavoro e sviluppo».

Tale premessa evidenzia come ricercare ogni risorsa aggiuntiva alle risorse comunali, «quanto mai preziose in questi momenti di grande difficoltà per la nostra città, debba costituire l’impegno prioritario e condiviso di tutte le forze politiche, sociali ed economiche cittadine. Da anni si è sviluppato in città un dibattito in merito al possibile sottodimensionamento dei trasferimenti statali a Fabriano rispetto ad altre realtà municipali omogenee per dimensioni demografiche e geografiche che potrebbe essere stato davvero notevole», scrive il consigliere comunale di opposizione di Fabriano

Prendendo spunto, dunque, da queste premesse, Giombi interpella l’Amministrazione comunale «al fine di conoscere se intenda verificare con la massima urgenza, magari attraverso la costituzione di una apposita commissione di lavoro di tecnici e aperta a tutti i gruppi consiliari, l’effettiva esistenza di tale sottodimensionamento. E, in caso di riscontro positivo di tale sottodimensionamento, interpello al fine di sapere se intenda recuperare il dovuto dal momento che il recupero di queste somme potrebbe basarsi su presupposti giuridici o politici; considerando che mettere a disposizione del Comune di Fabriano queste maggiori risorse potrebbe rappresentare un tentativo per provare a superare la terribile crisi economica e occupazionale che ci ha investito e che sembra non avere fine».