Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Fabriano: cala il fondo per aiuti alle imprese che ancora non è approvato

Cna, Confartigianato e Confcommercio esprimono profonda preoccupazione per la situazione che si sta delineando all'interno del Comune e fanno un appello a fare presto

La sede del Comune di Fabriano
La sede del Comune di Fabriano

FABRIANO – Cna, Confartigianato e Confcommercio esprimono profonda preoccupazione per la situazione che si sta delineando all’interno del comune di Fabriano. I ritardi legati all’approvazione del bilancio e i problemi con il personale rischiano di compromettere i provvedimenti che le tre associazioni di categoria hanno concordato lo scorso mese di febbraio con l’Amministrazione pentastellata. In particolare si fa riferimento alla parte di avanzo di amministrazione che il Comune dovrebbe destinare alle imprese fabrianesi colpite da perdite causate dalla pandemia, quantificata inizialmente in circa 1 milione di euro da convertire in sostegni a fondo perduto. «Tale importo verrà però presumibilmente ridotto a circa 700.000 euro a fronte di nuovi urgenti provvedimenti che l’amministrazione dovrà prendere nel breve periodo (scuola Marco Polo e palazzetto dello sport)», informano i responsabili delle tre associazioni di categoria di Fabriano.

Le dichiarazioni

«Questa forma di sostegno nata dalla sinergia tra le tre associazioni si servirà di un nuovo parametro ovvero la percentuale di redditività di una impresa facilmente ricavabile dalla camera di commercio e terrà conto dei sussidi statali già ricevuti favorendo le attività rimaste escluse dai precedenti decreti statali e regionali, formula che permetterà anche alle imprese nate nel 2019-2020-2021 di ottenere una cifra dignitosa. le domande potranno essere inoltrate su base volontaria rispettando i parametri richiesti con successive verifiche a campione». L’appello. «Ritornare sulla necessità delle aziende da noi rappresentate di ricevere sostegni a fronte di uno stato che non arresta né tanto meno rallenta la macchina tributaria ci sembra ormai superfluo, avendo già ampiamente illustrato in tutte le sedi istituzionali, i danni che il tessuto economico fabrianese sta subendo, lacerato da anni di crisi economica pesantemente aggravati dalla recente pandemia. Per giunta non possiamo certo cedere ora a facili ottimismi considerati i rischi che le nuove varianti potrebbero generare e rilevando altresì una campagna vaccinale con fasce di età a bassa percentuale di somministrazione. Ci rivolgiamo con forza al sindaco Santarelli e alla maggioranza tutta affinché risolvano in brevissimo tempo le problematiche interne alla macchina comunale, si giunga ad una rapida approvazione del bilancio e venga dato immediato mandato gli uffici competenti per una rapida stesura del regolamento necessario all’assegnazione dei fondi».

L’appello

Invito rivolto, infine, anche a tutta la classe politica fabrianese chiedendole «di essere responsabile ed unita al fianco delle imprese e alle associazioni di categoria, mettendo il più possibile da parte identità differenti per contribuire insieme a sostenere il nostro fondamentale tessuto economico. Le associazioni di categoria hanno elargito il massimo sforzo durante la pandemia garantendo i servizi essenziali, decriptando i vari DPCM, sostenendo il credito tramite il Confidi Uni.co e soprattutto dando grande esempio di collaborazione con la politica locale a garanzia di tutto il sistema economico sociale. Ora è giunto il momento di passare dalle parole ai fatti e di rendere concreto un progetto estremamente utile e necessario per le partite iva fabrianesi», si conclude la nota di Cna, Confartigianato e Confcommercio.