Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Straordinaria rimonta, così la Ristopro Fabriano supera Teramo

I ragazzi di coach Aniello tornano alla vittoria con uno straordinario break nell'ultimo quarto (23-10) grazie ai siluri del bomber Gialloreto (27 punti) e alla grande energia portata da Vita Sadi, Quercia e dal rientrante Monacelli, che ha sopperito all'assenza per infortunio di Bugionovo. Due punti d'oro in chiave salvezza

I duemila del PalaGuerrieri in tripudio per la vittoria della Ristopro Fabriano
I duemila del PalaGuerrieri in tripudio per la vittoria della Ristopro Fabriano

FABRIANO – FABRIANO – Nel momento forse più difficile della stagione (reduce da quattro sconfitte di fila e senza il play titolare Bugionovo, infortunato), la Ristopro Fabriano ritrova una grinta incredibile e supera la valida Teramo per 79-71, salendo così al quartultimo posto in classifica a quota 18 punti, approfittando della sconfitta di Cerignola (ferma 16) e avvicinandosi a Giulianova (rimasta a 20).

Tutta la squadra fabrianese è stata protagonista di questo successo, con un immenso Gialloreto (27 punti) e Dri (16) che sono stati i migliori realizzatori, ma con un contributo giunto anche da molti di quelli che possono essere considerati “gregari”, innalzatisi a protagonisti per un giorno. Il riferimento è al carneade Vita Sadi (12 punti e 8 rimbalzi), al rientrate Monacelli (lucida regia e ottimi recuperi, dopo due mesi di assenza e una condizione non ancora perfetta), al veterano locale Quercia, di cui sarebbe da rivedere mille volte lo splendido giro sul perno che ha dato a Fabriano il primo vantaggio della partita al 36’, sul 65-63, al termine di una lunga rincorsa ai teramani, fuggiti via nel primo quarto sul 16-28.

“Gap” salito a +14 per gli abruzzesi a inizio sencoda frazione. Qui, Fabriano – sospinta anche stavolta da oltre duemila spettatori – trova in Vita Sadi l’uomo che porta sul parquet l’energia necessaria per risalire la china. Troppi errori ai liberi (appena 23/34 alla fine) non consentono alla Ristopro di completare un recupero che è comunque nell’aria già prima dell’intervallo, quando i cartai tornano a -3. Il terzo quarto è equilibrato (18-17 il parziale), poi Fabriano mette prepotentemente la freccia trascinata dai canestri del ritrovato bomber Gialloreto. È di 23-10 il parziale negli ultimi dieci minuti, che schianta Teramo. Fino al conclusivo 79-71 che incorona la Ristopro vincitrice della partita contro gli abruzzesi, dimostratisi comunque valida formazione grazie al buon gioco di Salamina, Lagioia, Milojevic e Staffieri. Al 40’, quando dalla lunetta sul +8 arriva il sigillo del successo, tutto il PalaGuerrieri può esplodere per festeggiare i ragazzi di coach Daniele Aniello.

 

RISTOPRO FABRIANO – TERAMO = 79-71

RISTOPRO FABRIANOGialloreto 27 (3/9, 5/9), Dri 16 (3/8, 1/5), Vita Sadi 12 (3/3 da due), De angelis 5 (1/3, 1/3), Bruno 5 (2/6, 0/1), Quercia 5 (1/2, 1/3), Monacelli 4 (1/2 da due), Marsili 4 (2/7), Cimarelli 1, Bugionovo ne, Cicconcelli ne, Conti ne. All. Aniello

TERAMO – Milojevic 20 (9/13), Staffieri 11 (0/3, 2/3), Salamina 11 (3/9, 1/1), Lagioia 10 (1/3, 2/6), Musso 8 (1/6, 1/6), Osmatescu 4 (2/5), Errera 4 (1/2 da due), Nolli 3 (1/4 da tre), Piccinini (0/1 da tre), Di Eusanio ne. All. Bianchi

ARBITRI – Silvia Marziali di Roma e Mirko Picchi di Ferentino (Fr)

PARZIALI – 16-28 al 10’, 38-44 al 20’, 56-61 al 30’, 79-71 finale