Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Janus Fabriano, al via la costruzione della squadra: confermato Dri, ai saluti Bugionovo

L'udinese è il primo tassello in vista del prossimo campionato di B: «Sono molto contento di rimanere, penso che faremo bene». Dopo sei anni, invece, si dividono le strade con il capitano, che aveva guidato i fabrianesi in regia partendo dalla serie D

Filiberto Dri confermato dalla Janus Fabriano anche per il prossimo campionato di serie B (foto di Marco Teatini)

FABRIANO – È iniziato l’allestimento della Janus Fabriano in vista del campionato 2018/19 di serie B. Dopo la firma di coach Alessandro Fantozzi, risalente ormai al mese scorso, la società ha messo il primo tassello per quanto riguarda la squadra. E anche in questo caso si parte da una conferma, quella della guardia Filiberto Dri, che nel campionato da poco concluso è stato uno dei protagonisti della salvezza biancoblù con 14,4 punti di media in “regular season”, saliti a 21 punti di media nelle due gare dei play-out.

«Sono molto contento di essere rimasto a Fabriano – ci ha detto l’esterno udinese, classe 1989, raggiunto telefonicamente non appena è arrivata l’ufficialità della sua permanenza alla Janus. – Del resto non ho mai fatto mistero che nella stagione scorsa mi sono trovato bene sia a livello di squadra, sia con la società, sia in città, per cui c’erano tutti i presupposti per proseguire insieme, in un luogo in cui si può fare buona pallacanestro. Sono molto motivato in vista del prossimo campionato, penso che ci siano tutti i presupposti per fare bene».

«Siamo soddisfatti di questa conferma – gli fa eco il general manager fabrianese Paolo Fantini. – Filiberto è un atleta che nel corso della passata stagione con noi ha mostrato, oltre alle sue qualità tecniche che erano già riconosciute, anche doti morali che gli hanno permesso fin da subito di integrarsi nella filosofia Janus. La città e la tifoseria lo hanno apprezzato in pieno».

Filiberto Dri, guardia, classe 1989, è stato confermato dalla Janus (foto di Marco Teatini)

C’è chi resta, c’è chi va. E in questo caso i saluti sono quelli che lasciano il segno, visto che si tratta del capitano e bandiera Michele Bugionovo. Le strade si separano dopo sei campionati di fila alla Janus, partendo dalla serie D e scalando le categorie fino alla serie B, durante i quali il play fabrianese purosangue è stato la mente e la regia della squadra, un “piccolo grande uomo” che è cresciuto con la Janus e l’ha fatta crescere, guidandola anche in serie B dove nel torneo appena concluso ha prodotto 5,1 punti e 2,7 assist di media.

«Grazie Michele per l’uomo che, anche insieme a noi, sei diventato. Grazie per l’esempio che hai dato a chi arrivava e non sapeva cosa volesse dire “Fabriano”. Grazie perché, per questa seconda pelle, ti abbiamo visto andare oltre la fatica ed oltre ogni ostacolo. Grazie perché non hai mai mollato, in tutti i sensi. In bocca al lupo per il tuo futuro, con tanto amore», ha scritto nel comunicato l’addetto stampa Lorenzo Ciappelloni come portavoce della società.

Michele Bugionovo: dopo sei stagioni, si sono separate le strade con la Janus (foto di Martina Lippera)