Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Grazie all’Erap, sei famiglie terremotate di Fabriano hanno trovato casa

I sei alloggi si trovano a Borgo Tufico e sono stati assegnati a nuclei che hanno avuto la propria abitazione seriamente danneggiata a seguito del sisma dell’agosto-ottobre 2016, con inagibilità di tipo “E” e “F”, le più gravi

Gli alloggi a Borgo Tufico

FABRIANO – Sei appartamenti acquistati dall’Erap a Fabriano e assegnati alle famiglie terremotate che ne hanno fatto richiesta. Le case resteranno a disposizione delle famiglie fino a quando non terminerà la ricostruzione, dopodiché saranno acquisite al patrimonio pubblico per l’edilizia popolare. A darne l’annuncio il sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli.

I sei alloggi si trovano a Borgo Tufico, frazione di Fabriano, e sono stati assegnati a nuclei familiari che hanno avuto la propria abitazione seriamente danneggiata a seguito del sisma dell’agosto-ottobre 2016, con inagibilità di tipo “E” e “F”, le più gravi. «Siamo il primo comune ad aver consegnato le chiavi. Nei prossimi giorni faremo lo stesso con gli appartamenti in via Ramelli», evidenzia il primo cittadino fabrianese ricordando di aver seguito tutte le fasi di questo progetto e, quindi, intestandosi questa situazione. «Sin da quando ero a Roma e per conto del gruppo parlamentare alla Camera del M5S ho preparato gli emendamenti al decreto sisma che includeva questa misura. Uno dei vincoli che inserimmo fu che le abitazioni acquistate dovessero ricadere nei comuni del cratere o al massimo nei comuni confinanti con il perimetro dello stesso cratere. Questo per evitare che si facessero acquisti in giro per la Regione anche in comuni lontani dalle aree colpite. Ora si è chiuso il cerchio. Grazie al lavoro di tutti, a partire dall’Assessore ai lavori pubblici Cristiano Pascucci».

Ma non finisce qui. Infatti, nei prossimi giorni saranno assegnati altri 20 alloggi in via Ramelli, centro storico di Fabriano, e che sono sempre stati acquistati dall’Erap. Dunque, a due anni e mezzo dalle prime scosse di terremoto vengono quindi consegnate le case a 26 nuclei che hanno subito danni e che sono tutti utenti, quindi, che decadranno dall’erogazione del Contributo Autonoma Sistemazione in quanto hanno preferito – rispetto quelli che hanno rifiutato questa opportunità – di stare tranquilli in una casa acquistata dall’Erap piuttosto che in affitto altrove. Quando i diretti interessati rientreranno nelle loro abitazioni vere e proprie ormai agibili, questi appartamenti o villette cielo terra entreranno a far parte delle case popolari in dotazione al Comune di Fabriano.