Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Fabriano, arrestato tre volte in poco più di un mese

Ancora una volta è evaso dagli arresti domiciliari. Poche settimane fa, il 30enne fabrianese era stato arrestato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti

I carabinieri di Fabriano

FABRIANO – Terzo arresto nel giro di poco più di un mese per un 30enne di Fabriano. Ancora una volta è evaso dagli arresti domiciliari. Il 17 settembre scorso, il 30enne di Fabriano, era stato arrestato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nascosta nell’automobile vi era della droga: circa 10 grammi di cocaina, 7 di hashish ed 1 di eroina. Un “pusher” secondo i carabinieri della Compagnia cittadina, diretti dal capitano Mirco Marcucci. Il giudice, convalidando l’arresto, aveva disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del processo. Ebbene, il 30enne forse pensando a un pericolo scampato, il carcere, ha pensato bene di riprovarci. È infatti evaso dagli arresti domiciliari chiamando semplicemente un taxi. È stato, ovviamente, arrestato di nuovo, il 26 settembre scorso. Ancora una volta, però, il Giudice del Tribunale di Ancona lo ha posto agli arresti domiciliari.

Oggi, 22 ottobre, terzo arresto per evasione e denuncia per detenzione di sostanza stupefacente: si stava spostando in città con il taxi sperando di farla franca ed eludere i controlli. Nel corso di un servizio teso alla prevenzione e repressione dello spaccio e al controllo di persone sottoposte alla misura cautelare dei domiciliari, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Fabriano durante un controllo nelle vie limitrofe alla residenza di soggetti posti alla misura dei domiciliari, i militari hanno notato scendere da un taxi un uomo che doveva trovarsi all’interno delle mura domestiche.

Il giovane, alla vista della pattuglia, è apparso particolarmente nervoso. È stato perquisito: rinvenuti alcuni grammi di cocaina. Fatti tutti gli accertamenti presso la caserma di via Dante, ed accertato che non sarebbe potuto uscire di casa, l’uomo è stato nuovamente arrestato per evasione e denunciato per possesso di sostanza stupefacente. Oggi, 22 ottobre, è avvenuta la convalida. Il giudice ha disposto un’altra volta i domiciliari presso la propria abitazione. Sperando che, questa volta, abbia imparato la lezione.