Centro Pagina - cronaca e attualità

Fabriano

Il 2021 inizia bene a Fabriano per la qualità dell’aria

Nessuno sforamento registrato per superamento del limite di PM10 consentito, registrato dalla centralina cittadina. Un segnale in controtendenza rispetto agli ultimi anni

Una veduta di Fabriano

FABRIANO – Il 2021 si è aperto nel migliore dei modi possibili per quel che riguarda la qualità dell’aria a Fabriano. Nessuno sforamento registrato per superamento del limite di PM10 consentito, vale a dire 50 ug/mc, registrato dalla centralina cittadina. Un segnale in controtendenza rispetto agli ultimi anni, quando a gennaio, di solito, si sono avuti sforamenti.

Nei primi 31 giorni del nuovo anno, l’aria che si è respirata a Fabriano è più che buona. A certificarli i dati che l’Arpam ha resi noti relativamente alla centralina ubicata in città. A parte il 19 gennaio, quando si è avuta una concentrazione di PM10 pari a 43 ug/mc, nel resto del mese ci si è sempre attestati sotto la soglia di 40 ug/mc, quindi ben distante dal limite previsto dall’attuale normativa e fissato in 50 ug/mc.

Un dato in controtendenza rispetto agli anni scorsi quando, invece, nel mese di gennaio si erano sempre quasi sempre registrati sforamenti. Nel 2020, infatti, si era superato il limite l’11 e 12 gennaio. Due giornate oltre il consentito, alle quali hanno fatto seguito altri sforamenti registrati a marzo (tre); a novembre (una); a dicembre (una). Per un totale complessivo di sette giornate oltre il limite consentito.

Negli ultimi anni, sforamenti a gennaio anche nel 2016 e nel 2017, con rispettivamente 11 e 6 giornate di alta presenza di polveri sottili nell’aria a consuntivo di fine anno. Mentre, nel 2018 e nel 2019, i superamenti del limite si sono avuti più tardi. Nel 2018, solo tre giornate oltre i 50 ug/mc (una ad aprile e due a dicembre). Nel 2019, 9 sforamenti (3 a febbraio; 2 a giugno; 4 a dicembre). Il 2021 sembra, dunque, essere partito sotto i migliori auspici e si spera possa proseguire in questo modo. Anche perché, è bene ribadirlo, il posizionamento della centralina a Fabriano è in una zona molto alta, quindi, distante dalle arterie stradali principali.