Centro Pagina - cronaca e attualità

Economia

Imprese vincenti 2020 di Intesa Sanpaolo fa tappa a Bologna: ecco le realtà d’eccellenza marchigiane

È alla seconda edizione il programma che valorizza le eccellenze imprenditoriali come modello per la resilienza e il rilancio dell’economia italiana. Tre le "imprese vincenti" per le Marche

Un momento dell'incontro

È arrivato oggi a Bologna il digital tour di “Imprese Vincenti 2020”, il programma di Intesa Sanpaolo per la valorizzazione delle piccole e medie imprese italiane, spesso poco note ma fondamentali per la vitalità del sistema produttivo, capaci di esprimere esempi di eccellenza imprenditoriale e del made in Italy, motore di filiere e distretti produttivi. Tre le imprese selezionate tra le realtà d’eccellenza marchigiane.

Nonostante l’emergenza coronavirus, sono molte le imprese che hanno risposto positivamente all’invito di partecipare al programma di valorizzazione di Intesa Sanpaolo e dei partner di progetto Bain&Company, Elite e Gambero Rosso e, da quest’anno, Cerved e Microsoft Italia.
Lanciato a gennaio e giunto alla seconda edizione, Imprese Vincenti ha raccolto quest’anno sul proprio sito l’autocandidatura di circa 4000 imprese, rispondenti ai requisiti richiesti per poter partecipare al programma. Ne sono state selezionate 144, attive in vari settori produttivi e – novità di quest’anno – anche nel terzo settore, in un confronto tra mondo profit e non profit nella logica di sostenibilità e della piena valorizzazione dell’impatto sul territorio di tutte le tipologie di impresa.

Le Imprese Vincenti dell’edizione 2020 sono state individuate sulla base dei fattori di successo che le rendono “campioni” del proprio territorio, con particolare attenzione all’impatto sociale ed alla capacità di generare valore in termini di sostenibilità, innovazione, investimenti sul proprio capitale umano, capacità di programmare il passaggio generazionale, internazionalizzazione, legame con il territorio e con le proprie filiere produttive.

La seconda edizione di “Imprese Vincenti”, inoltre, punta a dare evidenza anche ai segnali di reazione e di volontà di ripartenza di buona parte del tessuto imprenditoriale italiano, attraverso la testimonianza diretta degli imprenditori al digital tour che, dopo Milano, Firenze, Torino, Napoli, Padova, Brescia e Bari è giunto virtualmente a Bologna e attraverserà tutta l’Italia, in 12 tappe complessive dedicate alle storie delle imprese e dei territori: dopo Bologna, sarà la volta di Bergamo, Roma e Cuneo, oltre ad una tappa dedicata alle imprese del Terzo settore.

Come per ogni tappa, anche per Emilia Romagna e Marche saranno presentate 12 Imprese Vincenti che racconteranno la propria esperienza e il percorso di crescita che stanno affrontando ad un pubblico ancora più ampio e digitale, in risposta al contesto straordinario determinato dall’emergenza Covid. Il percorso di Imprese Vincenti 2020 si concluderà a novembre, con un forum finale dedicato alle PMI.

Nella tappa di Bologna del digital tour le 12 “Imprese Vincenti” con sede in Emilia Romagna e Marche – suddivise per categoria di riferimento – si sono presentate raccontando la propria storia d’impresa e le scelte strategiche che le hanno portate a consolidare il proprio percorso di sviluppo.

Ecco le tre imprese marchigiane vincenti.

Per la categoria Meccanica, ha vinto Civitanavi Systems, azienda di Pedaso (Fm) che opera sul mercato internazionale, sviluppa tecnologie di navigazione inerziale per applicazioni aeronautiche.

Per la categoria Moda e Design si è distinta Malerba Srl di Mombaroccio (Pu), nata nel 1946 e ormai giunta alla terza generazione, che si caratterizza per un design raffinato, proiettata verso il futuro, continuando a credere nel valore della tradizione artigiana italiana.

Nella categoria Altra Industria e Servizi, invece, si segnala Loccioni di Angeli di Rosora (An), specializzata in progettazione e realizzazione di sistemi di misura e controllo per migliorare la qualità, la sicurezza e la sostenibilità di processi e prodotti industriali.