Centro Pagina - cronaca e attualità

Economia

Artigianato, Trend Marche: 3.200 le imprese a rischio default nel 2021

Cna e Confartigianato hanno presentato l’Osservatorio "Trend Marche", realizzato in collaborazione con Intesa Sanpaolo. Ecco i dati e le dichiarazioni

Artigianato e micro e piccole imprese, una situazione difficile. Potrebbero essere 3.200 le imprese marchigiane a rischio default nel 2021, di cui 1.100 a causa delle restrizioni dovute al Covid. Se va male saranno 4.100 a non superare i prossimi dodici mesi, di cui 2 mila a causa della crisi pandemica. Cna e Confartigianato Marche hanno presentato l’Osservatorio “Trend Marche”, realizzato in collaborazione con Intesa Sanpaolo.

Uno scenario allarmante quello delle imprese a rischio default, che in Italia saranno tra 113 e 145 mila. Come reagire?

«Bisogna partire dal sostegno delle imprese condizionate fortemente dalla crisi pandemica», ha dichiarato il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli. «Fare in modo che le micro, le piccole, le medie imprese resistano nel trattenere la propria capacità competitiva ma allo stesso tempo saper guardare avanti, a nuovi distretti, a nuove filiere, a come razionalizzare, innovare, digitalizzare, riuscire a fare squadra in un territorio dove purtroppo c’è stata frammentazione. Il piccolo può diventare medio e grande se ci si crede e si lavora tutti in un’unica direzione, se l’azione è comune tra amministrazione regionale, corpi intermedi, imprese e banche, in una visione prospettica, condivisa e concertata. Anche le infrastrutture materiali e immateriali sono essenziali per la crescita, mettendo in campo tutte le risorse, a partire da quelle del Recovery Plan e del settennio europeo».

Nell’anno che si è appena concluso, il sistema produttivo regionale ha perso 1.188 imprese attive mentre gli occupati, ad ottobre 2020, erano diminuiti di 34.540 unità. Le imprese sono diminuite soprattutto in agricoltura (-577) e nel commercio (-558). Più contenute le perdite nel manifatturiero (-296 di cui 164 concentrate nel calzaturiero).
È pesante il tributo alla crisi dell’artigianato che perde 548 imprese. Sul territorio regionale, le perdite più consistenti, ci sono state ad Ancona (-504) e a Macerata (-413). La provincia di Pesaro e Urbino ha perso 237 aziende e quella di Fermo 70. In controtendenza l’ascolano, con un aumento di 36 imprese attive.Per quanto riguarda la forma giuridica, continua la fuga dalle imprese individuali (-2019) e aumentano le società di capitale (+847) che sono ormai il 20,9 per cento delle aziende marchigiane in attività.

Le dichiarazioni del professor Ilario Favaretto dell’Università di Urbino: «Nei primi nove mesi del 2020 i ricavi delle imprese artigiane delle Marche sono diminuiti del 17,1 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I risultati peggiori per i ricavi dall’estero (-25 per cento) mentre va meglio per i ricavi delle imprese conto terzi (-6,8). Pesante la situazione degli investimenti, crollati del 57,8 per cento, con una punta di meno 72 per cento per la imprese manifatturiere e del 58,3 per cento per i servizi. Calano solo dell’1,1 per cento gli investimenti nelle costruzioni».

Ma gli artigiani e le micro e piccole imprese delle Marche hanno reagito e messo in atto processi di adattamento.
«Secondo una nostra indagine, il 30 per cento delle imprese ha diversificato e introdotto servizi aggiuntivi, utilizzando gli strumenti digitali per la vendita» ha sostenuto il rettore dell’Università Politecnica delle Marche Gian Luca Gregori. «Il 20 per cento  ha  riorganizzato i processi produttivi e modificato i modelli organizzativi. Molte anche le imprese che hanno ricercato nuovi mercati, anche in termini di riorganizzazione digitale. C’è stato, da parte degli artigiani e delle micro e piccole imprese, un maggior accesso al credito, mentre è forte la richiesta di sospensione della tassazione e la possibilità di ottenere sgravi fiscali»

Sono intervenuti il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, Mirco Carloni assessore Attività Economiche Regione Marche, Cristina Balbo, direttore regionale Emilia Romagna e Marche Intesa Sanpaolo, Giovanni Foresti economista direzione studi e ricerche Intesa Sanpaolo, Ilario Favaretto professore Università Urbino, Gian Luca Gregori rettore Università Politecnica delle Marche, Gino Sabatini e Giuseppe Mazzarella, presidenti di Cna Marche e Confartigianato Marche.