Urbino e le Città del Libro, il festival letterario tributa Paolo Volponi

Dal 17 al 19 maggio nella città ducale si intrecciano incontri, letture, mostre e concerti, a ingresso gratuito. Apre la sesta edizione la presentazione del libro di esordio dell'attore Luigi Lo Cascio

Particolare di un'opera di Giovanni Mulazzani

URBINO – Nella città ducale dal 17 al 19 maggio si intrecciano incontri, letture, mostre e concerti, tutti a ingresso gratuito, per la sesta edizione di Urbino e le Città del Libro.

Per quest’anno il tema del festival letterario, nato da un’idea dello scrittore Alessio Torino e organizzato dall’Associazione culturale Practica, è “Pianeti irritabili”, un tributo allo scrittore e poeta Paolo Volponi, alle sue opere, al suo sguardo sulla città e a un’arte imprendibile e refrattaria a qualsiasi forma di servilismo. Le illustrazioni del tema sono a cura, per il secondo anno, dell’artista Guido Scarabottolo con il progetto grafico di ISIA Urbino.

Ad aprire Urbino e le Città del Libro, alle 17 di venerdì 17 maggio presso il Teatro Sanzio, sarà l’attore e regista Luigi Lo Cascio con il suo esordio letterario Ogni ricordo un fiore (Feltrinelli).
Chiuderà, invece, domenica 19 maggio, sempre al Sanzio, Maria Antonietta, che alle 21.30 condividerà con il pubblico il suo Sette ragazze imperdonabili (Rizzoli) durante un reading concerto.
In mezzo, tanti eventi e ospiti: Alessandro Baronciani, Giovanni Bietti, Adrián Bravi, Deborah Brizzi, Anthony Cartwright, Cristiano Cavina, Sara Fabbri, Ciro Fanelli, Angelo Ferracuti, Antonio Ferrara, Pier Paolo Giannubilo, Neri Marcoré, Matthias Martelli, Elisa Menini, Antonio Moresco, Chiara Natalucci, Marino Neri, Umberto Piersanti, Vanni Santoni, Claudio Sopranzetti.

Tra le mostre, all’Istituto Superiore per le Industrie Artistiche va in scena quella dedicata ai lavori di Mara Cerri, mentre Casa Raffaello ospita la prima antologica sul grande illustratore Giovanni Mulazzani.

Qui il programma completo.