Centro Pagina - cronaca e attualità

Cultura

Successo a Senigallia per le mostre da record: in 20mila per Correggio e Doisneau

A palazzo del Duca erano esposti 50 scatti del celebre pioniere francese della street photography; a palazzetto Baviera il dipinto del pittore cinquecentesco Antonio Allegri

A Senigallia la mostra “Robert Doisneau: le Temps Retrouvé”
A Senigallia la mostra “Robert Doisneau: le Temps Retrouvé”

SENIGALLIA – Record di presenze per i due grandi appuntamenti culturali ospitati a palazzo del Duca e palazzetto Baviera. Oltre 20mila, complessivamente, i visitatori delle due mostre “Robert Doisneau: le Temps Retrouvé” e “Il Correggio ritrovato: la Sant’Agata di Senigallia” che si sono chiuse la scorsa domenica 2 settembre.

A confermare i dati è lo stesso sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi, entusiasta certamente del risultato che ha visto tantissime presenze da fuori regione e dall’estero ma anche per la portata degli eventi che sanciscono l’entrata definitiva della spiaggia di velluto nel novero delle città d’arte.

La mostra “Robert Doisneau: le Temps Retrouvé”, allestita a Palazzo del Duca, ospitava ben cinquanta degli scatti più iconici del celebre fotografo francese, tra cui il famoso “Le Baiser de l’hôtel de ville”; a Palazzetto Baviera era invece stata sistemata la mostra “Sant’Agata di Senigallia”, incentrata sul ritrovamento del capolavoro rinascimentale del Correggio, di portata internazionale.

Il volto della Sant'Agata: l'opera del Correggio sarà in mostra al Palazzetto Baviera fino al 2 settembre
Il volto della Sant’Agata: l’opera del Correggio sarà in mostra al Palazzetto Baviera fino al 2 settembre

Un risultato definito “eccezionale” dal sindaco che conferma la strategia di puntare sul turismo culturale e sulle mostre di qualità come ulteriore volano dell’economia cittadina di fianco a quello balneare. Risultato arrivato proprio nell’anno in cui Senigallia è stata riconosciuta dalla Regione Marche come “Città della Fotografia” con la legge per gli interventi di sostegno e di valorizzazione della cultura fotografica marchigiana.