Centro Pagina - cronaca e attualità

Cultura

Sei dimore storiche dell’ascolano in cerca d’autore, con i 6 cortometraggi di Federica Biondi

Sei dimore storiche della vallata del Tronto saranno raccontate con altrettanti corti, scritti e realizzati da autori e maestranze regionali

A Palazzo Saladini di Rovetino, nel centro storico di Ascoli Piceno, il primo ciak di "6 dimore storiche in cerca d'autore", regia di Federica Biondi

Sono iniziate gli scorsi giorni, ad Ascoli Piceno, le riprese del progetto “6 dimore in cerca d’autore”, per la regia della jesina Federica Biondi, e con la produzione esecutiva di YUK! film. Si tratta di un progetto di valorizzazione e promozione turistica che trae la sua forza dalla potenza evocativa del cinema: le dimore al centro del progetto di promozione saranno location delle riprese cinematografiche e anche protagoniste di itinerari turistici ed experience turistico-culturali a tema.

Sei dimore storiche della vallata del Tronto saranno raccontate con altrettanti corti, scritti e realizzati da autori e maestranze regionali. Il primo dei sei cortometraggi è stato girato a Palazzo Saladini di Rovetino, dimora storica in Via delle Torri, nel centro storico di Ascoli Piceno, a seguire quelli dedicati a Castel di Luco (Acquasanta Terme), Villa Cicchi (Abbazia di Rosara – Ascoli Piceno), Palazzo Saladini di Rovetino (centro storico di Ascoli Piceno), Borgo Storico Seghetti Panichi (Castel di Lama), Palazzo Recchi Franceschini (Castignano) e Palazzo Bufalari (Offida).

Il filo conduttore che percorre i sei cortometraggi è il tema del cambiamento, la rinascita dello spirito in simbiosi con la dimora storica, che risorge attraverso le vicende che travolgono i personaggi. In particolare, la sceneggiatura del primo cortometraggio dal titolo “Ritorno alla gentilezza”, è la trasposizione dello spettacolo teatrale “La Iena in gonnella” di Leonardo Accattoli, ma con una visione più femminile. Viene infatti richiamata alla memoria la vita di Mary Wollstonecraft, filosofa e scrittrice britannica della fine del Settecento, considerata la fondatrice del femminismo liberale.

La trama sfrutta al meglio le atmosfere misteriose che ha il palazzo, ancora in fase di restauro, creando un ambiente antico e lontano ma contemporaneo allo stesso tempo. Il ritorno ai valori del passato, all’educazione, ad una gentilezza aulica e ad una distanza formale sono tra i temi maggiormente trattati, con il giusto equilibrio tra serietà e leggerezza. C’è un costante confronto tra presente e passato: la protagonista cerca nella dimora un rifugio sicuro dal mondo esterno e dall’attualità dei nostri tempi, ma si rivelerà solo un’illusione.

Il cast tecnico e artistico è tutto marchigiano, dalla regista Federica Biondi allo sceneggiatore Leonardo Accattoli, fino alle due attrici principali, Meri Bracalente e Marika Gatti. Attraverso la coproduzione tra Piceni Art For Job, nella persona del presidente Sandro Angelini e YUK! FILM rappresentato da Damiano Giacomelli nel ruolo di produttore esecutivo di questo primo cortometraggio, la filiera del cinema si mette a disposizione della rete delle dimore storiche del territorio piceno in area sisma, per valorizzarle in modo innovativo e con un linguaggio coinvolgente e contemporaneo.

Il progetto “6 dimore in cerca d’autore” è cofinanziato dal POR MARCHE FESR 2014/2020 – ASSE 8 – INTERVENTO 23.1.2 – Sostegno alla innovazione e aggregazione in filiere delle PMI culturali e creative, della manifattura e del turismo ai fini del miglioramento della competitività in ambito internazionale e dell’occupazione – AREA SISMA – IMPRESE AGGREGATE – id 18964.