Centro Pagina - cronaca e attualità

Cultura

Sanremo 2020: anche i talenti marchigiani sul palco dell’Ariston

L'ascolano Dario "Dardust" Faini e Piero Romitelli di Morrovalle hanno firmato alcuni brani in gara. E poi la musicista fermana Sylvia Catasta e la cantautrice pesarese Maria Antonietta

ANCONA – Sul palco di Sanremo arriverà anche il talento degli artisti marchigiani, da martedì 4 fino a sabato 8, in prima serata su Rai1. L’ascolano Dario “Dardust” Faini ha firmato tre brani in gara, e la musicista fermana Sylvia Catasta dirigerà l’orchestra in occasione del brano cantato da Elodie, “Andromeda“, pezzo firmato da Faini e dal vincitore dell’anno scorso, Mahmood.

Sulle Instagram Stories, Dario “Dardust” Faini ha pubblicato alcuni video da Sanremo con Elodie e Rancore, perché infatti ha firmato per il rapper “Eden“, in gara tra i big, e “Tsunamiper il gruppo Eugenio in via di Gioia, che gareggerà tra le nuove proposte. «L’Eden non c’è più, ma noi ci siamo stati, trovando nuove parole e nuovi suoni. Orgoglioso di questa nuova feat con Rancore, ci vediamo a Sanremo 2020», ha scritto l’autore su Instagram. Dario “Dardust” Faini salirà giovedì anche sul palcoscenico per reinterpretare il brano “Luce (Tramonti a Nord Est), al fianco dello stesso Rancore e de La Rappresentante di Lista. Per l’autore sarà comunque un ritorno a Sanremo, perché l’anno scorso aveva diretto l’orchestra in occasione del primo brano classificato, “Soldi” di Mahmood, di cui era stato anche co-autore, e del pezzo degli Ex Otago, “Una canzone d’amore“.

Piero Romitelli, nato a Civitanova Marche e residente a Trodica di Morrovalle, è invece co-autore di altri due brani: “Il sole ad est” di Alberto Urso, il tenore vincitore dell’ultima edizione di Amici, e “8 marzo” cantato da Tecla Insolia, in gara nella sezione Nuove Proposte. Tecla è la giovanissima che ha già vinto Sanremo Young, il talent show condotto da Antonella Clerici. L’anno scorso Romitelli era stato invece co-autore del brano interpretato da Loredana Bertè “Cosa ti aspetti da me“, insieme a Gaetano Curreri e Gerardo Pulli, e “Musica che resta” il brano de Il Volo, pensato insieme a Emilio Munda e Antonello Carozza e supervisionato da Gianna Nannini.

Nella serata delle cover, giovedì 6 febbraio, salirà invece sul palco la cantautrice pesarese Maria Antonietta, che canterà con Levante e Francesca Michielin la versione tutta al femminile del brano vincitore del 1987, “Si può dare di più”, all’epoca affidato a Tozzi, Morandi e Ruggeri. «Ladies and gents – ha scritto la cantautrice su Instagram – il 6 febbraio sarò al Festival di Sanremo. Canterò una canzone insieme a Levante e a Francesca Michielin. Quando Claudia mi ha invitata, ho pensato che fosse una proposta così pazza, che non avrei mai potuto rifiutare. È molto emozionante poter condividere con altre due ragazze uno spazio del genere, capita così di rado, e mi sento orgogliosa di farlo».