Centro Pagina - cronaca e attualità

Cultura

Natale, regalare un libro è sempre una buona idea: i consigli di Fogola

La libreria di Ancona suggerisce alcuni testi da non perdere e da leggere nei giorni di festa: da “La città dei vivi” di Nicola Lagioia a "Rosso è il Perdono" illustrato da Nicola Gobbi

ANCONA – Romanzi, saggi, fantasy e graphic novel non passano mai di moda e scartare una bella storia sotto l’albero di Natale vale più di tanti regali costosi. «Il libro continua ad essere uno dei regali più gettonati del Natale – racconta Simona Rossi, titolare della libreria Fogola di Ancona – e molti stanno acquistando graphic novel, storie illustrate e libri adatti a tutta la famiglia, dagli adulti ai bambini. I padri stanno riscoprendo la lettura con i figli».

Scegliere il libro giusto da regalare non è facile e Simona Rossi spiega che «quest’anno il 50% dei clienti ha richieste mirate, mentre il restante 50% mi indica i gusti della persona a cui vuole regalare il libro e insieme scegliamo quello giusto». La titolare della libreria racconta anche che «se prima i clienti regalavano libri solo a chi sapevano essere un lettore, quest’anno c’è chi ha scelto di regalare solo libri ad amici e parenti». Ecco allora alcuni libri da mettere sotto l’albero di Natale e divorare nei giorni di festa, consigliati dalla libreria Fogola.

LIBRO SUL NATALE – «Simona Baldelli è una scrittrice marchigiana che quest’anno ha scritto una piccola “Fiaba di Natale”, ambientata in un circo. La scrittura è molto limpida e il testo è adatto a tutta la famiglia», spiega Simona Rossi. Il libro fa scoprire la magia del Natale, una città come tante e un vecchio funambolo che passo dopo passo su un cavo sospeso percorre la strada che porta alla fine, o a un nuovo inizio, alla ricerca di un destino da riscrivere. Non solo per sé, là in alto, ma per tutti coloro che attendono dal basso.

UN CASO DI CRONACA DIVENTATO LETTERATURA – Sei anni dopo “La ferocia”, vincitore del Premio Strega e del Premio Mondello, torna Nicola Lagioia con “La città dei vivi”. Il libro è una «profonda ricostruzione dell’omicidio di Luca Varani, avvenuto a marzo 2016, da parte di Manuel Foffo e Marco Prato, due ragazzi di buona famiglia». La notizia calamita immediatamente l’attenzione, sconvolgendo nel profondo l’opinione pubblica. Le parole dell’autore portano il lettore dentro uno dei casi più efferati degli ultimi anni. Un viaggio per le strade buie della città eterna, un’indagine sulla natura umana, sulla responsabilità e la colpa, sull’istinto di sopraffazione e il libero arbitrio. Il lavoro di Lagioia è stato subito accolto calorosamente dalla critica e dal mondo letterario.

STORIA ILLUSTRATA – La libreria Fogola consiglia «storie classiche illustrate. Ad esempio Peter Pan, illustrato in maniera sapiente da Minalima, straordinaria realtà di illustratori che realizzano pop-up unici e particolari. Il libro è per adulti, ma ha questa magia all’interno ed è quindi adatto a tutta la famiglia». Il classico integrale di J. M. Barrie viene dunque sublimato in questa edizione deluxe da strabilianti elementi interattivi. Una mappa del Paese che non c’è, un orologio con le lancette a forma di coccodrillo, l’ombra di Peter e altri fantastici elementi cartotecnici permettono di volare con lui nella fantastica Isola che non c’è.

GRAPHIC NOVEL – La libreria Fogola consiglia “Rosso è il Perdono“. «È un lavoro a tre mani – spiega la titolare – due scrittori francesi (Arnaud Gonzague e Olivier Tosseri) hanno scelto di raccontare una storia italiana e hanno chiesto a Nicola Gobbi, illustratore italiano che lavora in Francia, di illustrarla. È un lavoro di ricerca storica. È la storia vera di Anna Laura Braghetti che, oltre ad essere stata una della carceriere di Moro, ha ucciso Vittorio Bachelet, vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura». Arrestata e condannata all’ergastolo, inizierà in carcere un difficile percorso di riconciliazione, un viaggio lungo il quale sarà sostenuta da una delle persone che avrebbe avuto ogni ragione per odiarla a morte: padre Adolfo Bachelet, fratello di Vittorio. Un libro che racconta la forza liberatrice del perdono.