Centro Pagina - cronaca e attualità

Cultura

Monte San Giusto, un video inedito per raccontare La Crocifissione di Lorenzo Lotto

E' on line il progetto realizzato da Comune, con il prof. Enrico Maria Dal Pozzolo, dell’Università di Verona e Matthias Wivel, curatore del dipartimento sulle opere rinascimentali italiane alla National Gallery di Londra

MONTE SAN GIUSTO – Una piccola chiesa in pieno centro a Monte San Giusto che conserva, intatta, uno dei capolavori dell’arte del Rinascimento: “La Crocifissione” di Lorenzo Lotto. Ora, grazie a un video di cinque minuti, voluto dal Comune e portato avanti durante questo periodo di pandemia insieme a due importanti figure nel panorama internazionale dell’arte – il professor Enrico Maria Dal Pozzolo, dell’Università di Verona e Matthias Wivel, curatore del dipartimento sulle opere rinascimentali italiane alla National Gallery di Londra – scoprire questa opera sarà ancora più facile.

«Nonostante ci siano in rete tante immagini e video dedicati a questo capolavoro – ha spiegato l’assessore alla cultura, Mauro Spinelli -, non ce n’era una creata dal Comune che raccontasse con immagini dedicate la bellezza e l’origine di questa opera d’arte». Così, grazie al montaggio di Gionata Cantolacqua, la voce di Dal Pozzolo (nella versione italiana) e quella di Wivel (in quella inglese) raccontano la storia, le sofferenze, i colori con cui Lotto ha voluto rendere la sua creazione.

«Nel 2018, mentre stavamo lavorando alla mostra di Lotto che aveva come perno Palazzo Buonaccorsi a Macerata – racconta Dal Pozzolo – ho accompagnato Wivel a vedere l’opera di Monte San Giusto dal vivo per la prima volta e, dopo alcuni minuti di silenzio, osservando ogni dettaglio da varie posizioni, mi disse: “E’ incredibile”».

Il video, on line sul canale YouTube del Comune, quindi è pronto a catturare il pubblico locale e internazionale, con un racconto che entra nei dettagli e nei particolari dell’opera.

«Il mio scopo era quello di cogliere i dettagli più salienti proprio per far comprendere a pieno il genio di Lorenzo Lotto – spiega Wivel – e ciò che ho notato, ad esempio, sono le lunghezze, le diagonali, i particolari del sangue di Gesù che scorre sulla mano di Longino. Mi ha stupito anche come Lotto abbia investito i personaggi con una propria personalità e propri sentimenti».