Centro Pagina - cronaca e attualità

Cultura

Le parole della Filosofia al teatro Sperimentale

Giunge alla ventunesima edizione la rassegna storica del Festival del Pensiero Plurale. Il primo appuntamento ad Ancona, giovedì 30 marzo con la conversazione pubblica sul tema “Liberazione” (Platone) condotta dal professor Maurizio Migliori

ANCONA – Con una conversazione pubblica sul tema “Liberazione” (Platone) condotta da Maurizio Migliori, prende il via giovedì 30 marzo al teatro Sperimentale, la ventunesima edizione de “Le parole della Filosofia”, rassegna storica del Festival del Pensiero Plurale ideato e diretto da Giancarlo Galeazzi, presidente onorario della Società Filosofica Italiana di Ancona.

Giancarlo Galeazzi, presidente onorario della Società Filosofica Italiana di Ancona (Foto: Lirici Greci)

Un’edizione speciale per molteplici motivi, legati anche alla Regione. Per la prima volta in 21 anni, infatti, i quattro pensatori invitati, Maurizio Migliori, Filippo Mignini, Domenico Losurdo e Nicoletta Panichi, sono legati alle Marche. Migliori e Miglini provengono dall’Università di Macerata, mentre Losurdo e la Panichi da quella di Urbino. Due poi sono nati nelle Marche (Mignini a Cupra Marittima e la Panichi a Cantiano) e gli altri due sono legati alla Regione per le origini (Migliori) e per la formazione (Losurdo). Quattro eccellenze nel campo degli studi filosofici che hanno ricevuto qualificati riconoscimenti: Migliori ha vinto il Premio di filosofia “Viaggio a Siracusa”; Mignini la targa di riconoscimento per l’anno celebrativo dedicato a Matteo Ricci; Losurdo ha ricevuto il Premio Sila per la sezione Economia e società; e la Panichi ha ottenuto il Premio nazionale “Gentile da Fabriano” per la sezione filosofica, e il Premio internazionale “Salvatore Valitutti”.

Il filosofo Baruch Spinoza

I quattro docenti invitati parleranno di liberazione, emancipazione, ribellione e accettazione che sono le parole-chiave rispettivamente di Platone, Spinoza, Nietzsche e Montaigne. Un’eredità di classici: classico della filosofia antica è il pensiero della dialettica di Platone; classico della filosofia rinascimentale è il pensiero della differenza di Montaigne; classico della filosofia moderna è il pensiero della libertà di Spinoza; classico della filosofia postmoderna è il pensiero della contestazione di Nietzsche. L’obiettivo di questi incontri, ai quali si affiancano quelli della Scuola di Filosofia, è evidenziare l’utilità (esistenziale) dell’inutilità (filosofica), per cui esercitare il pensiero si configura come un diritto di libertà, un dovere di responsabilità, un desiderio di umanità e un dono di prossimità.

Il Festival, organizzato dall’Associazione culturale Ventottozerosei, si avvale di molteplici partner: il Comune, la Società Filosofica Italiana di Ancona, l’Università Politecnica delle Marche e la Regione Marche. L’Agenzia Lirici Greci ne cura il progetto grafico e la comunicazione.

Programma:
INCONTRI CON I FILOSOFI
– teatro Sperimentale, ore 21: EREDITA’ DI CLASSICI
giovedì 30 marzo – Liberazione (Platone) – Maurizio Migliori
mercoledì 19 aprile – Emancipazione – (Spinoza) – Filippo Mignini
lunedì 8 maggio – Ribellione – (Nietzsche) – Domenico Losurdo
mercoledì 14 giugno – Accettazione – (Montaigne) – Nicola Panichi

A SCUOLA DI FILOSOFIA con Giancarlo Galeazzi – Facoltà di Economia, ore 17.30: ELOGI INSOLITI
venerdì 24 marzo – Elogio del dubbio
venerdì 28 aprile – Elogio del dissenso
venerdì 26 maggio – Elogio dell’ozio

FILOSOFIA IN MOVIMENTO con Simona Lisi – Teatro Sperimentale, ore 17.30: EMBODY PHILOSOPHY
mercoledì 14 giugno – Corporeità