Dall’Homo Sapiens all’umanoide

La famosa rassegna del Campana ospita Telmo Pievani, uno dei più grandi studiosi dell'evoluzione italiani in una conferenza tutta da scoprire al teatrino osimano. Giovedì l'appuntamento

OSIMO – Prosegue a Osimo la rassegna “I-future. Nuovi orizzonti della scienza e della tecnica” con un ospite d’eccezione.

Giovedì 16 febbraio sarà la volta di Telmo Pievani con l’intervento “La lunga strada dell’evoluzione dell’uomo: dall’Homo Sapiens all’umanoide”.

Le tecnologie e gli umani coevolvono da tre milioni di anni almeno. Viviamo immersi in nicchie eco-tecnologiche da noi stessi prodotte e che a loro volta ci trasformano nel corpo e nella mente. Nell’incontro sarà proposto un modello evoluzionistico ed ecologico per studiare gli sviluppi delle tecnologie, sulla scorta del volume di prossima uscita dal titolo “Come saremo” di Luca De Biase e Telmo Pievani (Codice edizioni, Torino), non senza uno sguardo sui futuri possibili.

Telmo Pievani è Ordinario di Filosofia delle scienze biologiche al dipartimento di Biologia dell’Università degli studi di Padova. Filosofo e storico della biologia ed esperto di teoria dell’evoluzione, è autore di numerose pubblicazioni nazionali e internazionali nel campo della filosofia della scienza. Fa parte del Comitato Etico e del Comitato Scientifico della Fondazione Umberto Veronesi per il progresso delle scienze. Membro del direttivo dell’istituto italiano di Antropologia, fa parte dell’Editorial board di riviste scientifiche internazionali. Dal 2014 è nel Consiglio scientifico internazionale del Muse, il museo delle scienze di Trento.

Appuntamento alle 16 al teatrino Campana di Osimo nell’ambito della rassegna promossa dall’istituto Campana per l’istruzione permanente che si svolgerà fino ad aprile, con cadenza mensile. L’iniziativa è pensata in particolare per gli studenti e per i docenti ma è aperta a tutta la cittadinanza. L’ingresso è gratuito.